preparazione al prelievo Prelievo sangue

E’ buona norma, per un corretto prelievo di sangue, essere a digiuno dalla sera precedente, dopo un pasto serale normale e senza prolungare l’assunzione di alcolici al di fuori del pasto stesso.

Il digiuno è strettamente necessario per alcuni esami in particolare: glicemia, colesterolo, trigliceridi, sideremia, acido folico, vitamina B.12, insulina, acidi biliari.

I farmaci e l’acqua si possono assumere fino al momento del prelievo.

L’attività fisica, anche moderata, può influenzare la concentrazione di alcuni componenti sierici, si consiglia quindi di evitare sforzi ( es. palestra ) nei giorni precedenti il prelievo.

Per esami volti a monitorare terapie farmacologiche (per esempio”PT”-tempo di protrombina-) è consigliabile eseguire il prelievo sempre dopo aver assunto la medesima dose di farmaco.

Gli esami batteriologici non possono essere eseguiti durante l’assunzione di antibiotici, perché questi farmaci, inibendo lo sviluppo batterico, falserebbero il risultato del test. Questi esami si possono eseguire in maniera attendibile 5-6 giorni dopo la sospensione dell’antibiotico.

  • Acido Lattico

    Evitare di fare sforzi per raggiungere il laboratorio.

    Rimanere almeno 30 min a riposo ( disteso ) prima di poter effettuare il prelievo.

  • Acido Piruvico

    Evitare di fare sforzi per raggiungere il laboratorio.

    Rimanere almeno 30 min a riposo ( disteso ) prima di poter effettuare il prelievo.

  • Aggregazione Piastrinica

    Viene utilizzata per:

    • Casi di iperaggregabilità. (L’acido acetilsalicilico, gli antistaminici, il clorodiazepam, il clofibrato, cocaina, corticosteroidi, diazepam, dipiradamolo, furosemide, gentamicina, indometacina ed antinfiammatori non steroidei, marijuana, fenotiazine, fenilbutazone, propanolo, composti della piramidina, sulfinpirazone, teofillina, antidepressivi triciclici possono inibire l’aggregazione piastrinica falsando i risultati.)
    •  Controllo terapia antiaggregante
  • Aldosterone in clinosatismo

    Nei 5 giorni che precedono il test il paziente (se possibile) deve seguire una alimentazione contenente un normale contenuto di sodio e sospendere l’assunzione di farmaci ipotensivi.
    Il paziente dovrà rimanere disteso per circa tre ore, dopo le quali verrà effettuato il prelievo.
    In alternativa, ove sia possibile, si può eseguire il prelievo la mattina al risveglio, prima che il paziente si sia alzato.

    Si consiglia telefonare per appuntamento.

     

  • Aldosterone in ortostatismo

    Nei 5 giorni che precedono il test il paziente (se possibile) deve seguire una alimentazione contenente un normale contenuto di sodio e sospendere l’assunzione di farmaci ipotensivi.

    Il prelievo verrà eseguito dopo 2 – 3 ore di stazione eretta o almeno 1 ora di deambulazione a passo veloce. 

  • Catecolamine plasmatiche

    Si consiglia di telefonare per appuntamento in quanto la determinazione deve essere eseguita subito.
     

    In alternativa si può conservare il plasma in congelatore a “-80°C”.

    Il paziente dovrà rimanere disteso sul lettino per almeno 1 ora prima di eseguire il prelievo.

  • Curva glicemica adulti

    • Nei tre giorni che precedono il test il paziente deve avere un’alimentazione libera e varia contenente almeno 150 g di carboidrati al giorno (pane, pasta, riso), esercitare una normale attività muscolare e non assumere farmaci capaci di interferire con la tolleranza glucidica ( es.Cortisone ed estroprogestinici) e con la determinazione della glicemia. 

    •  Il test non ha valore diagnostico in situazioni che possano interferire con l’assorbimento e l’utilizzazione del glucosio (stati febbrili, trauma, gastroenteronastomosi, etc.)

    •  E’ sconsigliabile eseguire il test in periodo mestruale

    • La mattina del prelievo presentarsi, prima delle ore 9.00, a digiuno da almeno 10 ore e da non più di 16,e senza aver fumato nelle ultime 24 ore. 
      Il paziente dovrà rimanere in laboratorio per almeno 2 ore , salvo diversa prescrizione del medico curante.

    • Dopo l’effettuazione di un prelievo di base ( se i valori lo consentiranno) al paziente verranno somministrati 75 gr di glucosio (Il tempo di ingestione non deve andare oltre i 5 minuti). 
      Per tutta la durata del test il paziente deve restare seduto o disteso, non deve mangiare o fumare.

    • Quindi verranno effettuati altri due prelievi dopo 60 e 120 minuti. 

  • Curva glicemica bambini

    • Nei tre giorni che precedono il test il paziente deve avere un’alimentazione libera e varia contenente almeno 150 g di carboidrati al giorno (pane, pasta, riso), esercitare una normale attività muscolare e non assumere farmaci capaci di interferire con la tolleranza glucidica ( es.Cortisone ed estroprogestinici) e con la determinazione della glicemia. 

    • Il test non ha valore diagnostico in situazioni che possano interferire con l’assorbimento e l’utilizzazione del glucosio (stati febbrili, trauma, gastroenteronastomosi, etc.)

    • La mattina del prelievo presentarsi, prima delle ore 9.00, a digiuno da almeno 10 ore e da non più di 16,e senza aver fumato nelle ultime 24 ore. 
      Il paziente dovrà rimanere in laboratorio per almeno 2 ore , salvo diversa prescrizione del medico curante.

    • Dopo l’effettuazione di un prelievo di base ( se i valori lo consentiranno) al paziente verranno somministrati 1,75 gr di glucosio per Kg di peso ideale, in relazione all’altezza del soggetto fino alla dose massima di 75 gr. (Il tempo di ingestione non deve andare oltre i 5 minuti). 
      Per tutta la durata del test il paziente deve restare seduto o disteso, non deve mangiare o fumare.

    • Quindi verranno effettuati atri due prelievi dopo 60 e 120 minuti.

  • Curva glicemica in gravidanza

    • Nei tre giorni che precedono il test il paziente deve avere un’alimentazione libera e varia contenente almeno 150 g di carboidrati al giorno (pane, pasta, riso), esercitare una normale attività muscolare e non assumere farmaci capaci di interferire con la tolleranza glucidica ( es.Cortisone ed estroprogestinici) e con la determinazione della glicemia. 

    • Il test non ha valore diagnostico in situazioni che possano interferire con l’assorbimento e l’utilizzazione del glucosio (stati febbrili, trauma, gastroenteronastomosi, etc.)

    • La mattina del prelievo presentarsi, prima delle ore 9.00, a digiuno da almeno 10 ore e da non più di 16,e senza aver fumato nelle ultime 24 ore. 
      Il paziente dovrà rimanere in laboratorio per almeno 3 ore, salvo diversa prescrizione del medico curante. 

    • Dopo l’effettuazione di un prelievo di base ( se i valori lo consentiranno) al paziente verranno somministrati 75 gr di glucosio (Il tempo di ingestione non deve andare oltre i 5 minuti). 
      Per tutta la durata del test il paziente deve restare seduto o disteso, non deve mangiare o fumare.

    • Quindi verranno effettuati dei prelievi a tempi fissi: 60;120 Minuti.

  • Duotest

    Va effettuato tra la 10° e la 13° settimana di gravidanza. Consegnare una copia dell’ecografia (translucenza nucale) e compilare il modulo di accettazione.

    Il prelievo e l’ecografia vanno effettuati lo stesso giorno o comunque in giorni molto vicini tra loro.

  • Glicemia Post-Prandiale

    Il soggetto deve recarsi due ore dopo il pranzo presso il laboratorio. 
    Durante queste 2 ore il soggetto non deve effettuare sforzi fisici (non deve recarsi presso il laboratorio né a piedi né in bicicletta).

  • Minicurva glicemica in gravidanza

    Dovrebbe essere effettuata su tutte le gravide. Alla 24a-28a settimana anticipando alla 14a – 16a settimana se ad alto rischio.(marcata obesità, familiarità di primo grado per diabete, precedente diabete mellito gestazionale DGM, precedenti nati macrosomici) ripetendola alla 24a-28a se negativo. 
    Il cut off è 140 mg/dl se positiva (> 140 mg/dl) si dovrà eseguire la OGTT entro una settimana.

    • Nei tre giorni che precedono il test il paziente deve avere un’alimentazione libera e varia contenente almeno 150 g di carboidrati al giorno (pane, pasta, riso), esercitare una normale attività muscolare e non assumere farmaci capaci di interferire con la tolleranza glucidica ( es.Cortisone ed estroprogestinici) e con la determinazione della glicemia. 

    • Il test non ha valore diagnostico in situazioni che possano interferire con l’assorbimento e l’utilizzazione del glucosio (stati febbrili, trauma, gastroenteronastomosi, etc.)

    • La mattina del prelievo presentarsi, prima delle ore 9.00, a digiuno da almeno 10 ore e da non più di 16,e senza aver fumato nelle ultime 24 ore. 
      Il paziente dovrà rimanere in laboratorio per almeno 1 ora, salvo diversa prescrizione del medico curante. 

    • Dopo l’effettuazione di un prelievo di base ( se i valori lo consentiranno) al paziente verranno somministrati 50 gr di glucosio (Il tempo di ingestione non deve andare oltre i 5 minuti). 
      Per tutta la durata del test il paziente deve restare seduto o disteso, non deve mangiare o fumare.

    • Verrà effettuato un secondo prelievo dopo 60 minuti.

  • Renina in clinostatismo

    Nei 5 giorni che precedono il test il paziente (se possibile) deve seguire una alimentazione contenente un normale contenuto di sodio e sospendere l’assunzione di farmaci ipotensivi.
    Il paziente dovrà rimanere disteso per circa tre ore, dopo le quali verrà effettuato il prelievo.
    In alternativa, ove sia possibile, si può eseguire il prelievo la mattina al risveglio, prima che il paziente si sia alzato.

    Si consiglia telefonare per appuntamento.

  • Renina in ortostatismo

    Nei 5 giorni che precedono il test il paziente (se possibile) deve seguire una alimentazione contenente un normale contenuto di sodio e sospendere l’assunzione di farmaci ipotensivi.

    Il prelievo verrà eseguito dopo 2 – 3 ore di stazione eretta o almeno 1 ora di deambulazione a passo veloce. 

  • Test da stimolo

    Il paziente deve rimanere disteso sulla poltrona da prelievo per tutto il tempo della prova.

    Dosaggio del TSH con stimolo di TRH (4 prelievi)
    Prelievo basale 0 (siero)
    200 microgrammi di TRH ev (1 fiala)
    Prelievo a 15 minuti (siero)
    Prelievo a 30 minuti (siero)
    Prelievo a 60 minuti (siero)

    Dosaggio della Prolattina con stimolo di TRH (5 prelievi)
    Prelievo basale 0 (siero)
    200 microgrammi di TRH ev (1 fiala)
    Prelievo a 15 minuti (siero)
    Prelievo a 30 minuti (siero)
    Prelievo a 45 minuti (siero)
    Prelievo a 60 minuti (siero)

    Dosaggio di FSH e LH con stimolo di GnRH (5 prelievi)
    Test rapido
    Adulti: 100 mcg (1 fiala) in bolo unico per e.v.
    Bambini: 60 mcg per metro quadro di superfice corporea o almeno 25 mcg (1/4 di fiala)
    Esecuzione del test
    Prelevare il campione per il dosaggio basale (0), iniettare e.v. la dose di GnRH, ripetere i prelievi a 15, 30, 45, 60 minuti e determinare i valori di FSH e LH dei campioni ottenuti

    Dosaggio del cortisolo con stimolo di ACTH sintetico (test al synachten) (5 prelievi)
    Questo test misura la risposta surrenalica acuta all’ACTH e viene usato per la diagnosi della insufficienza surrenalica primitiva e di quella secondaria.
    Per il test non è necessario digiuno preventivo, si preleva un campione di siero per determinare il cortisolo basale, poi si inietta 0,25 (1 fiala) di ACTH sintetico (Synachten fiale 0,25 mg) per via ev (è possibile usare la via im) prelevando ulteriori campione di siero a 15, 30, 45 e 60 minuti. 

    Dosaggio dell’hGH con stimolo di glucagone (5 prelievi)
    Si somministra per via im o sottocute 1 mg di glucagone negli adulti e 0,5 mg nei bambini al di sotto dei 12 anni.
    I prelievi vanno eseguiti a 0, 30, 60, 90, 120 minuti.
    Controindicazioni al test sono: diabete scompensato, feocromocitoma, ipertensione grave, aritmie cardiache.
    Non risultano differenze di risposta al test tra i due sessi.

    Dosaggio dell’hGH con stimolo di insulina (5 prelievi)
    Normalmente questo test non si effettua sui bambini.
    Si somministra per via ev rapida insulina ad azione rapida, 0,1 U/Kg è il dosaggio medio normale, se è presente iposurrenalismo o ipopituitarismo il dosaggio dell’insulina va ridotto a 0,05 U/Kg, se è presente acromegalia il dosaggio dell’insulina va aumentato a 0,2 – 0,3 U/Kg.
    I prelievi vanno eseguiti a 0, 30, 45, 60, 90 minuti.
    Controindicazioni al test sono: cardiopatia ischemica, aritmie cardiache, epilessia e iposurrenalismo grave.
    NB: è necessario disporre di soluzione glucosata al 40% da iniettare in caso di ipoglicemia grave (solitamente i disturbi più intensi avvengono tra il 30° e il 45° minuto del test).

    Dosaggio del Peptide C (insulinemia e glicemia) con stimolo di glucagone (7 prelievi)
    Si somministra per via ev rapida (è possibile anche la via im) 1 mg di glucagone.
    Se la somministrazione è ev si eseguono i prelievi a 0, 2, 4, 6, 10, 15, 30 minuti.
    Se la somministrazione è im si eseguono i prelievi ogni 30 minuti per tre ore
    Questo test è controindicato in corso di feocromocitoma

    Dosaggio dell’insulina con stimolo di glucosio (5 prelievi)
    Nei giorni precedenti il test è necessario seguire una dieta bilanciata normocalorica contenente almeno 200 grammi di carboidrati al giorno (pane, pasta, riso), dopo un digiuno di 10 – 12 ore si esegue un prelievo basale e si somministra la soluzione di glucosio (1 gr. per Kg. di peso corporeo). Ulteriori prelievi vanno eseguiti a 30, 60, 90, 120 minuti.
    Si determina sul siero il valore dell’insulina e della glicemia.

    Dosaggio della renina e dell’aldosterone con passaggio dal clino all’ortostatismo
    Nei 5 giorni che precedono il test il paziente (se possibile) deve assumere una dieta contenente un normale contenuto di sodio e sospendere l’assunzione di farmaci ipotensivi.
    Dopo almeno 1 ora di deambulazione a passo veloce si esegue il prelievo per la determinazione di renina ed aldosterone (ortostatismo). 
    Il paziente deve assumere poi una posizione supina e riposare per circa tre ore, si segue allora il secondo prelievo per la determinazione di renina ed aldosterone in clinostatismo.
    Nel caso in cui si possa eseguire il prelievo la mattina al risveglio, prima che il paziente si sia alzato, (prelievo in clinostatismo) si esegue successivamente il prelievo in ortostatismo dopo deambulazione.

  • Tritest

    Il prelievo di sangue va effettuato tra la 15a e la 20a settimana di gravidanza.

    La settimana di gestazione va confermata con l’ecografia, pertanto, si raccomanda di portare con sé un’ecografia eseguita di recente (comunque non prima della 12a settimana di gravidanza). 

     

© 2017 - All Rights Reserved | Laboratorio analisi cliniche dr. Fioroni srl - P.IVA 00735680449