approfondimento Lab Tests Online

Testo tratto da Lab Tests Online

Torna all'elenco esami

Fattore Reumatoide Noto anche come: RF
Nome:
Esami associati: ANA, Anticorpi anti-DNA doppia elica (Anti-dsDNA)
In sintesi

Perché viene eseguito il test?
Come ausilio nella diagnostica dell’artrite reumatoide (AR) e della sindrome di Sjögren.

Quando viene eseguito?
In presenza di una sintomatologia caratteristica di AR o sindrome di Sjögren

Quali campioni vengono richiesti?
Un campione di sangue venoso.

Il campione da analizzare

Cosa si analizza?

Questo test evidenzia la presenza di fattore reumatoide (FR), un tipo particolare di autoanticorpo. Un anticorpo è una proteina circolante nel sangue che è tipicamente sintetizzata in risposta alla presenza di materiale estraneo al sistema immunitario, solitamente un’altra proteina, denominata antigene.

Gli autoanticorpi sono anticorpi rivolti contro proteine del soggetto stesso (“self”) anziché contro agenti estranei, quali ad esempio le proteine batteriche. Il fattore reumatoide è un autoanticorpo rivolto contro frammenti della classe IgG delle immunoglobuline, una classe che solitamente risulta elevata negli stati infiammatori. Il fattore reumatoide aumenta nella maggior parte dei pazienti con stato infiammatorio, e proprio per questo è un test sensibile nella valutazione del grado di infiammazione associato all’artrite reumatoide. A causa della sua bassa specificità, non è tuttavia un test diagnostico. Anche gli esperti non hanno ben compreso come e perché esso si generi, e pur non avendo un ruolo diretto nel danno alle articolazioni, pare participi alla reazione infiammatoria e contribuisce alla distruzione tessutale caratteristica dell’artrite reumatoide.


Qual è il campione utilizzato per il dosaggio?
Un campione di sangue venoso.
NOTE: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi approfondimenti: Coping with Test Pain, Discomfort, and Anxiety. Tips on Blood Testing, Tips to Help Children through Their Medical Tests, and Tips to Help the Elderly through their Medical Tests.

Un ulteriore articolo, Follow That Sample, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico e di raccolta del tampone faringeo.


NOTA: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d' ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un ulteriore articolo, Seguire il campione: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico
 

L'esame

Come viene utilizzato?
Quando viene prescritto?
Qual è il significato del risultato dell’esame?
Cos’altro si deve conoscere?


Come viene utilizzato?
Il test per il dosaggio del fattore reumatoide (FR) è utilizzato nella diagnostica dell’artrite reumatoide (AR). Il test può anche trovare applicazione nella diagnostica della sindrome di Sjögren, una condizione strettamente collegata all’artrite. Circa l’80-90% dei pazienti affetti da tale patologia presenta elevati valori di FR.

 

Quando viene prescritto?
Il test è prescritto in presenza di una sintomatologia caratteristica di AR. I sintomi possono includere tensione articolare mattutina prolungata, dimagrimento, noduli sottocutanei ed evidenza radiologica di gonfiore delle capsule articolari con perdita di materiale cartilagineo e osseo, qualora la patologia sia in fase avanzata.

In presenza di sintomatologia caratteristica di AR, ma con un primo dosaggio di FR negativo, il test deve essere ripetuto. I valori cambiano in funzione del grado di sintomatologia e infiammazione presente, e possono essere bassi nei periodi di remissione o inattività della malattia.

Il test può essere utile nella diagnostica della sindrome di Sjögren. I sintomi comprendono secchezza di fauci e occhi, cute secca e dolore articolare e muscolare. La maggior parte dei disordini del tessuto connettivo sono patologie autoimmuni, e tra i pazienti affetti da sindrome di Sjögren è frequente la comorbidità con altre patologie, quali la sindrome di Raynaud, la sclerodermia, disordini autoimmuni della tiroide e lupus eritematosus sistemicus.

 

Qual è il significato del risultato dell’esame?
La presenza di FR indica la possibilità di un’artrite reumatoide (AR). Una positività del test è stata riscontrata nella maggior parte dei casi di AR. Inoltre, più del 50% dei pazienti che manifestano elevati livelli di FR hanno una sindrome di Sjögren. Molti pazienti con AR sono affetti anche da sindrome di Sjögren. (le donne molto spesso presentano entrambi questi disordini). Il sesso femminile, rispetto a quello maschile, ha un’incidenza di AR da due a tre volte maggiore, e nel 90% dei casi vi è una concomitante sindrome di Sjögren

Nel caso in cui, pur in presenza di un test per il FR positivo, siano state escluse sia AR che sindrome di Sjögren, potrebbero esserci altre ragioni di positività, come ad esempio endocarditi, lupus eritematosus sistemicus (LES), tubercolosi, sifilide, sarcoidosi, cancro, infezioni virali, patologie epatiche, polmonari o renali. Una positività del test si può riscontrare anche in casi di trapianto renale o cutaneo da donatore che non presenti lo stesso profilo genetico.

Un risultato negativo del test può significare assenza di AR, o che il test è stato eseguito troppo presto nel decorso della patologia, oppure che il paziente si trova in fase di remissione. Se è presente una sintomatologia indicativa e caratteristica, il medico può far ripetere il dosaggio del FR.

 

Cos’altro si deve conoscere?
Il test ha un’alta percentuale di falsi positivi, e per fare diagnosi di AR o sindrome di Sjögren il test deve essere utilizzato in associazione alla sintomatologia del paziente ed alla storia clinica.

Fattori che interferiscono con il test possono essere vaccinazioni, lipemia (quantità elevata di grassi nel sangue) oppure una gestione scorretta dei campioni. Anche la metildopamina, un farmaco usato per la pressione, può aumentare i livelli di FR.

References to Laboratory Test Domande frequenti

1. Un valore elevato di FR correla con una maggior gravità della patologia artritica?
2. La mia artrite reumatoide può solo peggiorare?


1. Un valore elevato di FR correla con una maggior gravità della patologia artritica?
Non necessariamente. Mentre è vero che nei pazienti con patologia severa o in fase attiva si riscontrano elevati livelli di autoanticorpi, un valore elevato di FR si può riscontrare anche nella sindrome di Sjögren od in altre patologie infiammatorie. Aumentati livelli di FR si osservano anche in soggetti affetti da endocarditi, lupus eritematosus sistemicus (LES), tubercolosi, sifilide, sarcoidosi, cancro, infezioni virali, patologie epatiche, polmonari o renali. Una positività del test si può riscontrare anche in casi di trapianto renale o cutaneo da donatore che non presenti lo stesso profilo genetico.


2. La mia artrite reumatoide può solo peggiorare?
Non necessariamente. In alcuni soggetti l’AR si manifesta solo per pochi mesi o per un anno o due, per poi regredire senza dare danno renale.Altri soggetti hanno una patologia di media gravità, caratterizzata da periodi di peggioramento dei sintomi. Altri ancora presentano una forma severa di malattia, quasi sempre attiva, che porta a seri danni articolari.

Links

American College of Rheumatology: Rheumatoid Arthritis

The Arthritis Foundation, Questions and Answers

© 2017 - 2018 All Rights Reserved | Laboratorio analisi cliniche dr. Fioroni srl - P.IVA 00735680449 | privacy policy - informativa uso cookies