approfondimento Lab Tests Online

Testo tratto da Lab Tests Online

Torna all'elenco esami

Pap Test Noto anche come: PAP test, striscio
Nome: Test di Papanicolaou
Esami associati: HPV
In sintesi

In sintesi

Perché fare il test?
Per fare lo screening del tumore alla cervice uterina e di alcune infezioni vaginali e uterine

Quando fare il test?
Per le donne senza fattori di rischio, dai 25 anni in poi una volta ogni 3 anni. In caso vi siano fattori di rischio, deve essere programmato un controllo più stringente

Che tipo di campione viene richiesto?
Cellule prelevate dalla cervice uterina

Il test richiede una preparazione?
E’ probabile che venga richiesto alla paziente di astenersi dai rapporti sessuali per le 24- 48 ore precedenti al test. Non usare ovuli o creme vaginali per le 48 ore precedenti al test. L’esame non deve essere eseguito durante il periodo mestruale

Il campione da analizzare

Il campione da analizzare

Cosa viene testato?
Il pap test è l’esame di screening per il tumore della cervice uterina. E’ usato per determinare la presenza di cellule anomale o potenzialmente tali nella vagina o nella cervice uterina. In questo modo è possibile anche rilevare infezioni all’utero dovute a batteri, funghi e virus.
Il tumore cervicale è causato da una crescita incontrollata di cellule della cervice, il ristretto punto di giunzione tra il corpo dell’utero e la vagina. Il tumore cervicale comincia lentamente. All’inizio, i cambiamenti pre- tumorali determinano un aspetto differente delle cellule che rivestono l’interno e l’esterno della cervice rispetto alle cellule normali. Queste cellule, se presenti sul pap test, vengono chiamate “cellule atipiche”. Le cellule atipiche non sono comunque specifiche di una condizione pretumorale, nel senso che possono apparire temporaneamente in risposta a infezioni o irritazioni del rivestimento cervicale. Se precancerose, le cellule atipiche appaiono sempre più anomale nel tempo, fino a divenire tumorali se non viene applicato nessun trattamento.
Il pap test, se eseguito nei tempi giusti, è uno strumento valido per determinare la presenza di aree di cellule precancerose, e consente di intervenire prima che si sviluppi un tumore cervicale. Inoltre, questo esame permette di rilevare il tumore cervicale allo stadio precoce, quando è ancora trattabile. E’ usato anche nel monitoraggio di altre anomalie. In molti casi, le anomalie sono il risultato dei processi di riparazione del tessuto e spesso si risolvono da sole senza trattamento.
La maggior parte dei casi di tumore cervicale sono causati da infezioni persistenti da certi tipi di virus del papilloma umano (HPV). I tipi di HPV 16 e 18 sono virus ad alto rischio, in quanto associati al 70% dei tumori cervicali. La ricerca del DNA dell’HPV viene eseguita qualora il primo pap test rilevi la presenza di cellule anomale o anche di default qualora il medico lo ritenga necessario.
Recentemente (2015) le linee guida scritte da un pannello di esperti delle principali organizzazioni sanitarie indicano la possibilità che la ricerca dell’HPV venga offerta come opzione di screening a tutte le donne dai 25 anni in poi. (per maggiori informazioni, leggere la domanda frequente n. 2 e l’articolo Experts Offer Advice on hrHPV Testing as a Primary Screen for Cervical Cancer).

Che tipo di campione viene richiesto?
Il pap test consiste nella raccolta di cellule dal cervice uterina. Il campione viene prelevato per mezzo di un apposito tampone che viene passato sul rivestimento del canale cervicale. Il campione raccolto viene inserito in un liquido conservante e mandato ad un laboratorio, dove la sospensione cellulare viene strisciata su un vetrino, colorata e letta da un citologo e/o da un patologo. Il vantaggio di questo tipo di raccolta è che la stessa sospensione cellulare può essere usata per il test dell’HPV. Nel metodo più vecchio, il campione viene strisciato direttamente su un vetrino e mandato al laboratorio per essere colorato ed esaminato al microscopio.

NOTA: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d' ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.
Un ulteriore articolo: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico

Esiste una preparazione al  test che possa assicurare la buona qualità del campione?
E’ probabile che venga richiesto alla paziente di astenersi dai rapporti sessuali per le 24- 48 ore precedenti al test. Non usare ovuli o creme vaginali per le 48 ore precedenti al test. L’esame non deve essere eseguito durante il periodo mestruale.

L'esame

L’esame

Come si usa?
Quando viene prescritto?
Che cosa significa il risultato del test?
C'è qualcos'altro da sapere?

Come si usa?
Il pap test è principalmente usato per lo screening del tumore cervicale ovvero per verificare la presenza di cellule cervicali o vaginali cancerose o precancerose. Un campione di cellule cervicali o di cellule in sospensione viene steso su un vetrino, colorato con coloranti appositi, ed analizzato al microscopio dal citologo e/o dal patologo. Il pap test viene inoltre usato per determinare la presenza di infezioni vaginali o uterine, come le infezioni da trichomonas.
Le cellule anomale e le infezioni possono essere presenti senza causare sintomi. In alcuni casi, sono necessari ulteriori esami e/o trattamenti mentre in altri casi, il medico può scegliere di monitorare la persona nel tempo per vedere se la situazione si risolve da sola.
Quasi tutti i casi di tumore cervicale sono causati da infezioni persistenti dovute ad alcuni ceppi di papilloma virus umano (HPV), un’infezione virale molto comune sessualmente trasmissibile. La ricerca del DNA dell’HPV di solito viene fatta in seguito ad un risultato anomalo del pap test, insieme al pap test (dipende dal programma di screening regionale) oppure ogni qual volta il medico lo ritenga necessario.
Recentemente (2015) le linee guida scritte da un pannello di esperti delle principali organizzazioni della sanità affermano che la ricerca dell’HPV, senza PAP test, può essere offerta come opzione di screening a tutte le donne dai 25 anni in poi. (per maggiori informazioni, leggere la domanda frequente n. 2 e l’articolo Experts Offer Advice on hrHPV Testing as a Primary Screen for Cervical Cancer)

Quando viene prescritto?
La frequenza con cui deve essere eseguito il pap test dipende dall’età e dai fattori di rischio (vedere la sezione di Screening delle patologie tumorali). In Italia il sistema sanitario nazionale prevede che:

Lo screening col pap test venga eseguito sulle donne dai 25 ai 65 anni, ogni 3 anni, in assenza di fattori di rischio La ricerca dell’HPV venga fatta ogni qual volta il pap test risulti positivo o quando il ginecologo lo ritenga necessario Dopo i 65 anni, non sia più necessario lo screening se la donna non ha avuto una precedente storia di tumore cervicale e se si è sottoposta al test regolarmente negli anni precedenti. Ciò significa che se la donna ha avuto gli ultimi 3 Pap test negativi negli ultimi 10 anni, non ha bisogno di sottoporsi a screening dopo aver superato i 65 anni.

(Le linee guida più recenti prevederebbero anche lo screening con la ricerca dell’HPV senza pap test per le donne che scelgono questa opzione, e che le donne che hanno un test dell’HPV negativo non vengano più testate per i tre anni successivi).

Alcune donne necessitano di uno screening più frequente. Quelle che hanno le seguenti patologie o che rientrano nelle categorie riportate sotto, devono discutere con il proprio medico per fare lo screening ad intervalli più ristretti:

Infezione da HIV Immunodepresse per altre ragioni, come il trapianto d’organo Esposizione a DES (dietilstilbestrolo) in epoca fetale Trattamenti precedenti per il tumore cervicale o per una patologia chiamata neoplasia cervicale intraepiteliale 2 o 3 (CIN2, CIN3)

Il medico può decidere di prescrivere un pap test se la paziente ha avuto molti partner sessuali, se è in gravidanza, o se ha sanguinamento, dolore, piaghe, perdite o prurito vaginali.

Che cosa significa il risultato del test?
Il pap test è “negativo” quando le cellule raccolte appaiono normali o non ci sono infezioni identificabili. In alcuni casi, il referto del Pap test riporta la dicitura “non valutabile”. Ciò significa che il prelievo non è adeguato o che le cellule non sono chiaramente identificabili. Sotto è riportato un riassunto dei possibili risultati (vedere la pagina Pap Test Terminology del sistema di classificazione Bethesda dei risultati del pap test)

Non valutabile: raccolta del campione non adeguata o presenza di sostanze interferenti Benigno: assenza di cellule tumorali, ma il test evidenzia la presenza di un’infezione, un’irritazione o segni di riparazione del tessuto Presenza di cellule atipiche di incerto significato clinico: anomalie nelle cellule di rivestimento della porzione esterna della cervice (cellule squamose- ASCUS) o nelle cellule del rivestimento dell’utero e del canale uterino (cellule ghiandolari- AGCUS) di cui la causa non è conosciuta; un risultato ASCUS è frequentemente seguito da un test del DNA per rilevare l’eventuale presenza di ceppi di HPV ad alto rischio Anomalie di basso grado: dovute frequentemente ad infezioni da HPV, che in alcuni casi possono essere rischiose per lo sviluppo di tumore cervicale; questo risultato può essere seguito da un test del DNA per rilevare l’eventuale presenza di ceppi di HPV ad alto rischio Anomalie di alto grado: cellule atipiche che possono trasformarsi in cancerose Carcinoma a cellule squamose o adenocarcinoma: termini usati per identificare alcuni tipi di tumore; in questi casi, la patologia è evidente e richiede un trattamento immediato.

C'è qualcos'altro dasapere?
Il Pap test è generalmente utilizzato come test di screening. Una certa percentuale di anomalie nelle donne può rimanere non diagnosticata con un Pap test singolo, per questo è importante sottoporsi a screening regolarmente. Una limitazione del test è rappresentata dalla raccolta del campione. Il Pap test viene eseguito su un gruppo di cellule molto limitato presenti sul collo dell’utero e sulla parete vaginale. Anche per i medici più esperti, la raccolta del campione può essere inadeguata ed in questi casi il test viene ripetuto.
Se la donna utilizza creme o ovuli vaginali nelle 48-72 ore precedenti al test, il vetrino può non essere leggibile. Altri fattori confondenti sono il sangue mestruale, le infezioni, alcuni farmaci (es. digitale e tetracicline), o i rapporto sessuali nelle 24 ore precedenti al test.  
In questi casi, è necessario ripetere il test, il che non significa che ci sia un problema. A volte, con l’utilizzo di particolari liquidi si possono eliminare dal campione i materiali confondenti (sangue e muco) che non consentono alle cellule di risultare chiare e non impilate. Un secondo vantaggio è rappresentato dal fatto che sullo stesso campione può essere eseguito il test dell’HPV, se il campione è regolare.

References to Laboratory Test Domande frequenti

Domande frequenti

1. Quali sono i fattori di rischio per il tumore cervicale?
2. E’ necessario fare il pap test se ci si è già sottoposti a ricerca dell’HPV?
3. E’ necessario sottoporsi allo screening se si è vaccinati contro l’HPV?
4. Il pap test “positivo” è sempre indice di tumore?
5. Perché è necessario sottoporsi regolarmente a pap test o a ricerca dell’HPV?
6. Come viene trattato il tumore cervicale?


1.Quali sono i fattori di rischio per il tumore cervicale?
Il fattore di rischio più importante per il tumore cervicale è l’infezione da virus del papilloma umano (HPV) ad alto rischio. Questo è il motivo per cui insieme al Pap test spesso viene eseguita anche la ricerca del DNA dell’HPV.
In accordo con il National Cancer Institute, ci sono altri fattori che possono aumentare il rischio dopo un’infezione da HPV: avere molti figli, usare contraccettivi orali a lungo e avere un’infiammazione cronica.  
Altri fattori di rischio sono: avere iniziato l’attività sessuale in età precoce, avere molti partner sessuali, fare il pap test di rado, fumare, essere esposte a DES, avere già avuto un tumore cervicale, avere il sistema immunitario compromesso dal trapianto d’organo o dall’HIV e avere altre malattie sessualmente trasmissibili (ad esempio l’herpes).

2. E’ necessario fare il pap test se ci si è già sottoposti a ricerca dell’HPV?
E’ possibile che fra qualche tempo ci si possa sottoporre alla ricerca del virus dell’HPV senza Pap test. La Foodand Drug Administration ha approvato di recente la ricerca dell’HPV senza Pap test e nel 2015 la più importanti organizzazioni della sanità hanno sviluppato delle linee guida secondo le quali sarà possibile usare il test dell’HPV senza Pap test come screnning per le donne dai 25 anni in su. Questo pannello di esperti ha revisionato una serie di studi clinici per arrivare alla stesura delle linee guida, anche se sono ancora necessari altre ricerche per meglio valutare il test dell’HPV e il suo ruolo nello screening del tumore cervicale. Ad esempio, non è ancora chiaro se l’età di 25 anni sia la più adeguata per iniziare lo screening e ogni quanto sia necessario effettuare il test. (Per maggiori informazioni leggere Experts Offer Advice on hrHPV Testing as a Primary Screen for Cervical Cancer.)

3. E’ necessario sottoporsi allo screening se si è vaccinati contro l’HPV?
Poiché il vaccino contro l’HPV non è protettivo contro tutti i tumori cervicali, le donne vaccinate dovrebbero comunque sottoporsi al test di screening.
La Foodand Drug Administration ha approvato il vaccino per l’HPV perchè venga usato nelle donne con età compresa tra i 9 e i 26 anni per prevenire il tumore cervicale e l’infezione dai tipi di HPV che causano il 70% di condilomi e formazioni tumorali. I vaccini sono somministrati in 3 dosi in un periodo di 6 mesi. Sono efficaci solo se presi prima dell’esposizione al virus, per questo motivo le donne dovrebbero vaccinarsi prima di iniziare ad avere rapporti sessuali.

4. Il Pap test “positivo” è sempre indice di tumore?
Un singolo pap test “positivo” non indica necessariamente la presenza di un tumore. Le membrane che ricoprono la cervice vanno incontro a costanti cambiamenti e riparazioni. Se non è necessario un trattamento, la situazione però deve essere monitorata in maniere stringente. Ciò significa ripetere il test ogni 3-6 mesi finché l’anomalia non è più riscontrabile.

5. Perché è necessario sottoporsi regolarmente a Pap test o a ricerca dell’HPV?
Il tumore cervicale ha una crescita lenta e progressiva e può impiegare diversi anni per arrivare oltre alla cervice. Per questo motivo, fare regolarmente la visita ginecologica e il test di screening è necessario per determinare la presenza di cellule precancerose e permettere la rimozione dei tessuti malati. Una regolarità degli esami può anche rilevare tessuti in trasformazione (da normali a tumorali). Se la diagnosi è precoce il tumore cervicale è facile da trattare, al contrario se non curato è quasi sempre letale.

6. Come viene trattato il tumore cervicale?
Il trattamento del tumore cervicale dipende dallo stadio della patologia. Quando il tumore è contenuto nel rivestimento della cervice o all’interno della cervice, il trattamento prevede generalmente la rimozione chirurgica del tessuto anomalo, la crioterapia (congelamento del tessuto normale) o la tecnologia laser.
L’intervento per curare il tumore cervicale più invasivo può prevedere un’operazione chirurgica per la rimozione dei tessuti malati o dell’intero utero (isterectomia), radioterapia o chemioterapia per distruggere le eventuali cellule tumorali ancora presenti. In caso di diagnosi di tumore cervicale, è importante tenere presente che le tecniche sono in costante evoluzione. E’ opportuno parlare col ginecologo e con l’oncologo per la scelta del miglior trattamento.

Links

Pagine correlate

In questo sito
Condizioni patologiche: Tumore cervicale
Screening: Patologie tumorali

Altrove nel web
College of American Pathologists: How to Read Your Pathology Report
Centers for Disease Control and Prevention: Cervical Cancer:
Centers for Disease Control and Prevention: Making Sense of Your Pap & HPV Test Results
National Cancer Institute Fact Sheet: Pap and HPV Testing
National Cancer Institute Fact Sheet: Understanding Cervical Changes, A Health Guide for Women
American Cancer Society: Cervical Cancer

© 2017 - 2018 All Rights Reserved | Laboratorio analisi cliniche dr. Fioroni srl - P.IVA 00735680449 | privacy policy - informativa uso cookies