approfondimento Lab Tests Online

Testo tratto da Lab Tests Online

Torna all'elenco esami

Trigliceridi Noto anche come: TRG; TRIG
Nome: Trigliceridi
Esami associati: Colesterolo HDL, Rischio cardiovascolare, Colesterolo LDL, Colesterolo totale, Profilo lipidico
In sintesi

In sintesi

Perché fare il test?
Per valutare il rischio di sviluppare complicazioni cardiache

Quando fare il test?
Come parte del profilo lipidico durante un normale check- up; almeno una volta ogni cinque anni negli adulti; bambini e ragazzi dovrebbero essere testati una volta tra i 9 e gli 11 anni e poi ancora tra i 17 e i 21 anni; a intervalli regolari quando sono presenti fattori di rischio per malattie cardiovascolari, o per monitorare l’efficacia del trattamento per i trigliceridi alti

Che tipo di campione viene richiesto?
Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio, o una goccia di sangue ottenuta pungendo un dito

Il test richiede una preparazione?
E’ necessario digiunare per 9-12 ore prima di raccogliere il sangue (senza il digiuno l’esame non ha senso); è permesso solo bere l’acqua. Inoltre non dovrebbe essere consumato l’alcol per le 24 ore precedenti al test. Seguire tutte le istruzioni fornite.



 

Il campione da analizzare

Il campione da analizzare

Cosa viene testato?
I trigliceridi sono un tipo di grassi e la maggior fonte di energia per l’organismo. Questo esame misura la concentrazione di trigliceridi nel sangue.
La maggior parte dei trigliceridi si trova nel tessuto adiposo, ma alcuni circolano nel sangue per fornire l’energia ai muscoli. Dopo i pasti, nel sangue aumenta la concentrazione di trigliceridi così che l’organismo converta l’energia non necessaria in grasso. I trigliceridi si muovono attraverso il sangue dalle viscere al tessuto adiposo dove vengono depositati. Tra i pasti i trigliceridi sono rilasciati dal tessuto adiposo per essere usati come fonte di energia dall’organismo. La maggior parte dei trigliceridi è trasportata nel sangue da molecole chiamate lipoproteine a bassissima densità (VLDL).
Alte concentrazioni di trigliceridi nel sangue sono associate ad un aumentato rischio di sviluppare patologie cardiovascolari (CVD), per cause non ancora del tutto conosciute. Alcuni fattori contribuiscono ad aumentare il livello di trigliceridi e il rischio di CVD, tra cui la vita sedentaria, il sovrappeso, il fumo, il consumo eccessivo d’alcol e patologie come diabete e malattie renali.

Che tipo di campione viene richiesto?
Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio. Talvolta il profilo lipidico (colesterolo totale, LDL-C, HDL-C, trigliceridi) viene misurato su una goccia di sangue ottenuta pungendo la pelle di un dito, di solito quando ci si avvale di un dispositivo portatile.
NOTA: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d' ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.
Un ulteriore articolo: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico

Esiste una preparazione al  test che possa assicurare la buona qualità del campione?
E’ necessario digiunare per 9-12 ore prima di raccogliere il sangue (senza il digiuno l’esame non ha senso); è permesso solo bere l’acqua. Inoltre non dovrebbe essere consumato l’alcol per le 24 ore precedenti al test. Seguire tutte le istruzioni fornite.

L'esame

L’esame

Come si usa?
Quando viene prescritto?
Che cosa significa il risultato del test?
C'è qualcos'altro da sapere?

Come si usa?
L’esame dei trigliceridi su sangue è parte del profilo lipidico usato per identificare il rischio di sviluppare malattie cardiache. Come parte del profilo lipidico può esser usato per monitorare le persone ad alto rischio, coloro che hanno avuto un infarto o che sono in trattamento per lipidi e/o trigliceridi alti.

Alcuni fattori di rischio sono:

Fumo Età (uomini dai 45 anni  in su e donne dai 55 anni) Ipertensione (pressione sanguigna di 140/90 o più alta o persone che prendono farmaci per la pressione) Storia familiare di malattie cardiovascolari premature (malattia cardiovascolare nei parenti di primo grado- maschi sotto i 55 anni e donne sotto i 65) Patologia cardiovascolare pre- esistente o precedente infarto Diabete mellito

Per i diabetici è molto importante misurare a intervalli regolari i trigliceridi poiché essi aumentano in modo significativo quando la glicemia non è sotto controllo.

Quando viene prescritto?
Il profilo lipidico, inclusi i trigliceridi, dovrebbe essere prescritto ogni cinque anni per valutare il rischio di sviluppare patologie cardiache negli adulti sani. Ai ragazzi l’esame dovrebbe essere fatto una volta tra i 9 e gli 11 anni e poi ancora tra i 17 e i 21 anni.
Il test dovrebbe essere prescritto più frequentemente per monitorare il trattamento di pazienti che hanno i trigliceridi alti o che hanno fattori di rischio già identificati per le patologie cardiache. I fattori di rischio includono la storia familiare di patologie cardiache o problemi di salute come diabete, ipertensione o sovrappeso. Il test per i trigliceridi spesso non è prescritto da solo dal momento che anche il colesterolo è un fattore di rischio (vedere colesterolo, HDL, LDL)

Che cosa significa il risultato del test?
Il test dei trigliceridi è di solito prescritto come parte del profilo lipidico a digiuno e il medico valuta i risultati di ogni componente del pannello lipidico.

Per gli adulti, il risultato dei trigliceridi è interpretato come segue :

Desiderabile: inferiore a 150 mg/dL (1.7 mmol/L) Borderline: 150 - 199 mg/dL (1.7-2.2 mmol/L) Alto: 200 - 499 mg/dL (2.3-5.6 mmol/L) Molto alto: superiore a 500 mg/dL (5.6 mmol/L)

Per bambini e ragazzi:

Da 0 a 9 anni

Accettabile: inferiore a 75 mg/dL (0.85 mmol/L) Borderline: 75-99 mg/dL (0.85-1.12 mmol/L) Alto: superiore a 100 mg/dL (1.13 mmol/L)

Da 10 a 19 anni

Accettabile: inferiore a 90 mg/dL (1.02 mmol/L) Borderline: 90-129 mg/dL (1.02-1.46 mmol/L) Alto: superiore a 130 mg/dL (1.47 mmol/L)

Sopra i 19 anni

Accettabile: inferiore a 115 mg/dL (1.30 mmol/L) Borderline: 115-149 mg/dL (1.30-1.68 mmol/L) Alto: superiore a 150 mg/dL (1.7 mmol/L)

Nota: questi valori si riferiscono ai trigliceridi misurati a digiuno.

I trigliceridi alti sono associati ad un aumentato rischio di sviluppare patologie cardiache. Concentrazioni elevate possono essere dovute a diverse cause, tra cui:

Dieta ad alto contenuto calorico, carica di grassi saturi, acidi grassi trans e colesterolo Vita sedentaria, sovrappeso, obesità Fumo Consumo importante di alcol Patologie come diabete di tipo 2 o malattie renali Ipotiroidismo Fattori genetici

Quando i trigliceridi sono molto alti (più di 100 mg/dL o di 11.30 mmol/L), c’è un rischio aumentato di sviluppare pancreatite sia per i bambini che per gli adulti. Il trattamento per abbassare i trigliceridi dovrebbe in questo caso essere tempestivo.

C'è qualcos'altro da sapere?
Se il paziente è diabetico e la glicemia è fuori controllo, i trigliceridi possono essere molto alti.
I trigliceridi cambiano in modo importante dopo i pasti, aumentando di 5-10 volte rispetto alle concentrazioni a digiuno dopo poche ore dal pasto. Anche le concentrazioni a digiuno possono variare di giorno in giorno.
Alcuni farmaci come i corticosteroidi, gli inibitori delle proteasi per l’HIV, i beta bloccanti e gli estrogeni possono aumentare la concentrazione di trigliceridi.
C’è un certo interesse nella misura dei trigliceridi nelle persone non a digiuno. La ragione è che i campioni prelevati non a digiuno possono essere più rappresentativi rispetto alle concentrazioni di trigliceridi circolanti, dal momento che la maggior parte della concentrazione lipidica della giornata riflette la concentrazione post- prandiale più che quella a digiuno. Però al momento, non è ancora certo come interpretare questi dati per la valutazione del rischio, e attualmente non ci sono cambiamenti nelle raccomandazioni circa il digiuno prima dei test lipidici.


References to Laboratory Test Domande frequenti

Domande frequenti


1. Quali strategie è bene adottare per abbassare la concentrazione lipidica nel sangue?
2. E’ possibile monitorare i trigliceridi a casa?
3. Che cosa sono le VLDL e in che modo sono correlate ai trigliceridi?

4. Esistono dei sintomi associati ai trigliceridi alti?
 

1. Quali strategie è bene adottare per abbassare la concentrazione lipidica nel sangue?
Per molte persone, i trigliceridi alti sono causati da altre condizioni patologiche, quali diabete, obesità, insufficienza renale o alcolismo. In questi casi, la strategia consiste nel trattare la causa scatenante. Quando non c’è una causa di questo tipo, i trigliceridi alti sono osservati spesso insieme al colesterolo alto e il trattamento ha lo scopo di abbassare sia i trigliceridi che il colesterolo. I cambiamenti nello stile di vita che consistono nel seguire una dieta sana e nell’aumentare l’esercizio fisico, sono di solito la strategia principale per abbassare le concentrazioni. Se questi provvedimenti non portano al risultato sperato, vengono usati farmaci che abbassano i lipidi come le statine. Per maggiori informazioni, visitare la pagina dell’American Heart Association, Getting Healthy.

2. E’ possibile monitorare i trigliceridi a casa?
Esistono due tipi di test da fare a casa per i lipidi, inclusi i trigliceridi: quelli in cui il sangue viene prelevato a casa e poi mandato in laboratorio e quelli in cui oltre al prelievo anche l’esame viene fatto a casa (per il monitoraggio). L’American Heart Association non ha mai preso una posizione sull’accuratezza di funzionamento degli strumenti portatili per misurare i lipidi. Prima di prendere qualunque decisione consultare il medico e leggere maggiori informazioni alla pagina With Home Testing, Consumers Take Charge of Their Health.

3. Che cosa sono le VLDL e in che modo sono correlate ai trigliceridi?
Le lipoproteine a bassissima densità (VLDL) costituiscono uno dei gruppi più importanti di lipoproteine. Gli altri gruppi sono le lipoproteine ad alta densità (HDL) e le lipoproteine a bassa densità (LDL). Ogni particella contiene  un misto di colesterolo, proteine, trigliceridi, ma le quantità delle varie molecole cambiano a seconda del tipo di particella. Le LDL contengono la quantità più grande di colesterolo. Le HDL contengono invece più proteine. Le VLDL contengono più trigliceridi. Dal momento che le VLDL contengono la maggior parte dei trigliceridi circolanti e che la composizione delle differenti particelle è relativamente costante, è possibile stimare la quantità di colesterolo VLDL dividendo il valore dei trigliceridi per 5. Al momento non esiste un metodo semplice e diretto per misurare il colesterolo VLDL, perciò viene usato un calcolo a partire dai trigliceridi. La formula utilizzata però non è valida se i trigliceridi sono più alti di 400 mg/dL. Concentrazioni alte di VLDL sono associate ad un rischio aumentato di sviluppare patologie cardiache e ictus.

4. Esistono dei sintomi associati ai trigliceridi alti?
Di solito, la maggior parte delle persone con i trigliceridi alti non ha sintomi e l’unico modo per scoprire questa anomalia è fare un esame del sangue. D’altra parte in rari casi, il paziente può avere i trigliceridi così alti (sopra i 1000 mg/dL)  fino ad avere episodi ricorrenti di pancreatite acuta. Alcuni segni e sintomi includono il dolore nella porzione superiore dello stomaco che può diventare grave, con febbre, nausea, vomito e talvolta ittero. Il paziente con i trigliceridi molto alti può inoltre sviluppare lesioni alla pelle chiamate xantomi, che appaiono come bolle piccole, rotonde, solide, nella schiena, al petto, alle natiche, alle spalle e alle cosce.


Links

Pagine correlate

In questo sito
Condizioni patologiche: Malattie cardiovascolari

Nelle notizie:  Study Questions Necessity of Fasting Before Cholesterol and Other Lipid Tests(2013)

Altrove nel web
American Heart Association: Triglycerides
American Heart Association: What Are High Blood Cholesterol and Triglycerides?
Mayo Clinic.com: Triglycerides, Why do they matter?
American Academy of Nurse Practitioners: Roadmap for Managing Your Triglycerides and Protecting Your Heart

» See all Article Sources

© 2017 - 2018 All Rights Reserved | Laboratorio analisi cliniche dr. Fioroni srl - P.IVA 00735680449 | privacy policy - informativa uso cookies