approfondimento Lab Tests Online

Testo tratto da Lab Tests Online

Torna all'elenco esami

Uova e parassiti Noto anche come: Ricerca di uova e parassiti nelle feci; O&P
Nome: Esame coproparassitologico
Esami associati: Coprocoltura
In sintesi In sintesi

 

Perché fare il test?
Per la ricerca di parassiti gastrointestinali.

Quando fare il test?
Nel caso in cui il paziente presenti diarrea protratta per più giorno e/o abbia sangue o muco nelle feci, in modo particolare in seguito all’assunzione di acqua non potabile durante un campeggio o in corso di viaggi in paesi a rischio.

Che tipo di campione viene richiesto?
Un campione di feci fresco consegnato al laboratorio entro due ore dalla raccolta o un campione di feci raccolto in un tampone preservante. Talvolta può essere richiesta la raccolta di campioni multipli in giorni differenti.

Il test richiede una preparazione?
No, nessuna.

Il campione da analizzare Il campione da analizzare

Cosa viene testato?
Il canale digerente può essere infettato da un grande numero di parassiti differenti (infezioni gastrointestinali). La ricerca di uova e parassiti nelle feci (esame corpoparassitologico) consiste in una valutazione al microscopio del campione di feci, alla ricerca di uova e/o parassiti (O&P) che possono essere presenti nel tratto gastrointestinale e causare sintomi come la diarrea. Le uova e i parassiti vengono rilasciati dal canale digerente nelle feci.
Per l’esecuzione dell’esame, viene posto su un vetrino un sottile strato di feci fresche o in tampone preservante che viene quindi colorato e osservato al microscopio da un laboratorista esperto, alla ricerca dei parassiti e/o delle loro uova o cisti, ossia delle formazioni resistenti nelle quali possono essere racchiusi i parassiti. Ciascun parassita/uovo/ciste ha forma, dimensioni e caratteristiche peculiari che permettono di discriminarne la diverse specie.
Gli esseri umani possono essere infettati da un gran numero di parassiti. Ciascun tipo di parassita ha un proprio ciclo vitale e processo maturativo e può vivere in uno o più ospiti. Alcuni parassiti permangono a lungo in ospiti intermedi (o secondari), come una pecora, una mucca, un serpente, prima di infettare l’ospite definitivo o primario che è l’uomo. Alcuni parassiti possono invece infettare l’uomo in maniera accidentale (ospite accidentale). Alcuni parassiti sono costituiti da singole cellule (monocellulari) mentre altri hanno l’aspetto vermiforme (elminti). Molti parassiti cambiano aspetto durante le varie fasi maturative, le cui più comuni sono la forma matura, quella di ciste e/o di uova. Alcuni parassiti attraversano anche una fase larvale, ossia una forma intermedia tra lo stadio di uova e la forma matura. Le uova sono generalmente più resistenti e possono rimanere nell’ambiente anche per diverso tempo senza la necessità di un ospite, pur mantenendo le capacità infettive.
La maggior parte delle infezioni gastrointestinali parassitarie sono dovute all’assunzione di acqua o cibo contaminato con le uova. Le uova e i parassiti rilasciati nelle feci di persone o animali infetti possono contaminare ulteriormente acqua, cibo o superfici e diffondere l’infezione. La contaminazione è però del tutto invisibile: l’acqua e/o il cibo contaminato appaiono normali. Le persone che entrano in contatto con acqua o cibo contaminato possono infettarsi e, in assenza di un’accurata sanificazione (attenta detersione delle mani e cura nella preparazione dei cibi), possono diffondere l’infezione parassitaria.
Le infezioni parassitarie possono essere particolarmente preoccupanti per alcuni gruppi di persone, come i neonati, gli anziani e le persone con il sistema immunitario compromesso. In queste persone l’infezione da parassiti può sfociare in gravi complicanze.
Il sintomo più comune associato ad un’infezione parassitaria è la diarrea prolungata, con talvolta sangue e/o muco nelle feci, dolore addominale e nausea. Questi sintomi generalmente persistono per giorni o settimane dall’esposizione. Alcune persone possono anche sviluppare mal di testa e febbre mentre altre persone possono essere asintomatiche.
La diarrea protratta per più di qualche giorno, può portare a perdita di peso, disidratazione e conseguente sbilanciamento degli elettroliti; queste condizioni sono particolarmente preoccupanti per i bambini, le persone anziane e le persone con il sistema immunitario compromesso. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le malattie diarroiche dovute alla contaminazione di cibo e acqua, incluse quelle da parassiti, uccidono nel mondo circa 2 milioni di persone ogni anno.
I parassiti più comuni in Europa sono parassiti monocellulari appartenenti alla specie Giardia e Cryptosporidium.  Questi parassiti sono diffusi in tutto il mondo, anche nei fiumi e laghi più remoti e incontaminati e possono contaminare piscine, vasche idromassaggio e talvolta anche catene idriche pubbliche.
In molti casi le cisti di Giardia possono sopravvivere nelle acque contaminate per settimane o mesi, essendo anche resistenti al cloro. Pertanto il numero delle persone infettate da questi parassiti tende ad aumentare durante la stagione estiva, quando molte persone si dedicano a molteplici attività all’aria aperta come gite, trekking o nuoto, durante le quali possono bere consapevolmente o accidentalmente acque contaminate o mangiare cibi contaminati.
Le persone che si recano nei paesi in via di sviluppo sono maggiormente esposti ad una grande varietà di parassiti. Nelle zone con clima caldo-umido e con un inefficace trattamento delle acque reflue, i parassiti sono molteplici e possono essere presenti anche un’ampia gamma di parassiti vermiformi quali platelminti (vermi piatti) e nematodi (vermi cilindrici) tra i quali ascaridi e anchilostomi, che possono parassitare l’intestino e altre regioni dell’organismo. I viaggiatori in genere possono infettarsi con questi parassiti tramite l’assunzione di cibi o bevande contaminate con le uova del parassita, talvolta anche semplicemente bevendo una bevanda fresca con i cubetti di ghiaccio contaminati o mangiando un’insalata. Esistono però anche dei piccoli parassiti in grado di penetrare attraverso la pelle dei piedi nel caso in cui la persona cammini a piedi nudi in zone contaminate.
Nel caso in cui una persona guarisca dai sintomi entro pochi giorni senza complicazioni, può non essere necessario alcun trattamento farmacologico né esame coproparassitologico. Tuttavia, in presenza di gravi sintomi come diarrea ininterrotta con muco e/o sangue, deve essere richiesto un esame coproparassitologico, in modo particolare nei viaggiatori che abbiano sviluppato questi sintomi dopo l’assunzione di cibi o bevande potenzialmente contaminate.
Per una migliore diagnosi, l’esame coproparassitologico dovrebbe essere richiesto in associazione ad altri esami (pannello dei patogeni gastrointestinali) volti ad identificare eventuali altri patogeni responsabili della sintomatologia, come batteri e virus. L’identificazione delle specie microbiche può essere effettuata tramite esami colturali o test immunochimici.

 

Come viene raccolto il campione per il test?
Viene raccolto un campione di feci in un contenitore pulito. Il campione di feci non deve essere contaminato con acqua o urine e, dopo la raccolta, deve essere portato al laboratorio entro due ore o trasferito in uno specifico tampone preservante.
Spesso vengono richiesti campioni multipli. In questo caso la raccolta deve essere effettuata in giorni differenti in momenti diversi della giornata poiché i parassiti potrebbero essere eliminati nelle feci in maniera intermittente e quindi non essere sempre presenti nel campione di feci. L’esecuzione dell’esame su campioni multipli aumenta le probabilità di rilevare i parassiti eventualmente presenti.

 

NOTA: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d' ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoliCome fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.
Un ulteriore articolo, Seguire il campione: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

 

Esiste una preparazione al  test che possa assicurare la buona qualità del campione?
No, non è necessaria alcuna preparazione.

L'esame L’esame

Come si usa?
Quando viene prescritto?
Che cosa significa il risultato del test?
C'è qualcos'altro da sapere?

 

Come si usa?
L’esame per la ricerca di uova e parassiti viene utilizzato per rilevare la presenza di parassiti nei campioni di feci e come supporto alla diagnosi di infezioni del tratto gastrointestinale. Poiché le infezioni gastrointestinali possono essere dovute a molti agenti patogeni, la corretta diagnosi prevede la richiesta di un pannello di esami per la ricerca di patogeni gastrointestinali e/o l’esame colturale delle feci (coprocoltura).
Il pannello di esami per la ricerca di patogeni gastrointestinali viene effettuato per la ricerca simultanea di virus, batteri e parassiti che possono essere causa frequente di infezioni gastrointestinali. È un tipo di esame relativamente nuovo e non ancora diffuso. Sotto il termine “esame coproparassitologico" vengono racchiuse tutte le tecniche utilizzate per ricercare i parassiti gastrointestinali nelle feci. Generalmente questo tipo di esami prevede la ricerca diretta dei parassiti tramite esami microscopici ma talvolta può essere necessario ricercare nelle feci antigeni specifici o allestire un esame colturale. L’esecuzione del test parassitologico dovrebbe essere sempre accompagnata e guidata da informazioni di tipo clinico ed epidemiologico volte alla formulazione più dettagliata di un sospetto diagnostico.
Molte infezioni del tratto gastrointestinale si risolvono spontaneamente senza trattamenti specifici ma con il solo ausilio di terapie di supporto. Nei soggetti sani infatti questo tipo di infezioni sono piuttosto comuni e di solito non determinano conseguenze gravi. Tuttavia esistono casi nei quali l’identificazione dell’agente patogeno responsabile dell’infezione gastrointestinale viene richiesta per guidare il trattamento terapeutico, eliminare il patogeno e limitarne la diffusione.
Il test coproparassitologico può essere richiesto anche per monitorare l’efficacia del trattamento terapeutico contro le infezioni parassitarie.
La ricerca degli antigeni specifici nelle feci può essere effettuata nel caso in cui nelle feci non vengano individuate uova o parassiti ma persista comunque il sospetto della loro presenza. Ma questo tipo di esame, diversamente dall’esame coproparassitologico, può essere effettuato solo per la ricerca di un numero limitato di parassiti.

 

Quando viene prescritto?
L’esame coproparassitologico può essere richiesto nel caso in cui vi sia il sospetto che una persona abbia ingerito acqua o cibo contaminati da parassiti e abbia segni e sintomi di un’infezione gastrointestinale, quali ad esempio:

Diarrea prolungata Dolore addominali e crampi Nausea, vomito Sangue e muco nelle feci

 

Non tutti coloro che presentano questi sintomi devono essere necessariamente sottoposti a questo tipo di esami o a trattamenti specifici. Nelle persone con il sistema immunitario normalmente funzionante, questo tipo di infezioni spesso si risolvono spontaneamente senza necessità di alcun trattamento specifico ma con la sola terapia di supporto. L’esame coproparassitologico viene normalmente richiesto nel caso in cui il paziente:

Presenti gravi sintomi di disidratazione, sbilanciamento degli elettroliti e/o altre complicanze Sia molto giovane o anziano o presenti il sistema immunitario compromesso Abbia segni e sintomi dell’infezione persistenti che non si risolvono spontaneamente Sviluppi malessere in seguito a viaggi effettuati in modo particolare nei paesi in via di sviluppo Abbia recentemente assunto acqua di un fiume o di un lago Sia stato a contatto con qualcuno affetto da parassitosi gastrointestinale, come un familiare

 

L’esame coproparassitologico può essere richiesto anche in seguito alla diagnosi di parassitosi gastrointestinale, per il monitoraggio dell’efficacia terapeutica.

Che cosa significa il risultato del test?
Nel caso in cui nelle feci del paziente non siano rilevate uova o parassiti, è verosimile che la diarrea sia dovuta ad altra causa. Potrebbero altresì essere presenti parassiti in numero troppo limitato per poter essere rilevati. Il clinico può richiedere l’esecuzione di un ulteriore esame coproparassitologico per confermare la diagnosi o richiedere test alternativi nel caso in cui i sintomi persistano e quindi permanga il sospetto diagnostico.
Nel caso in cui vengano rilevati parassiti nelle feci, allora il paziente è affetto da parassitosi gastrointestinale. Le uova e/o i parassiti presenti nelle feci in questo caso vengono identificate e contate. Possono essere presenti in piccole o grandi quantità.
I segni e sintomi sono di solito dovuti ad un solo tipo di parassita ma potrebbero esserne presenti anche più di uno.

Secondo l’ECDC (European Centre for Desease Prevention and Control), i parassiti più frequentemente rilevati in Europa sono:

Giardia– al terzo posto per le infezioni gastrointestinali maggiormente rilevate in Europa Cryptosporidium(spesso noto come Crypto) - al quinto posto per le infezioni gastrointestinali maggiormente rilevate in Europa

 

Di seguito sono riportati alcuni esempi di altre parassitosi intestinali rilevabili tramite l’esame coproparassitologico.

Parassiti unicellulari:

Dientamoeba fragilis Balantidium coli Cyclospora cayetanensis

 

Vermiformi (elminti):

Nematodi (vermi cilindrici) come Ascaridi, Strongyloides Anchilostomi Cestodi comeHymenolepis nana, Taenia solium e Diphyllobthrium latum Platelminti (vermi piatti) come Fasciolopsis buski

 

Il tipo e la durata del trattamento dipende dal tipo di parassita e dallo stato di salute generale del paziente. L’indicazione del numero di parassiti presenti può fornire delle informazioni utili al clinico nella scelta del trattamento terapeutico.

 

C’è qualcos'altro da sapere?
Il trattamento di Giardia e Cryptosporidium è di solito di tipo farmacologico. L’infezione può risolversi spontaneamente entro alcune settimane ma può avere anche una decorrenza ciclica, con ricomparsa e peggioramento dei sintomi. Nelle persone con il sistema immunitario normalmente funzionante, l’infezione da Cryptosporidium in genere si risolve spontaneamente. Nei pazienti con il sistema immunitario compromesso (come in pazienti affetti da AIDS, che sono stati sottoposti a trapianto d’organo, con il cancro ecc…) l’infezione da Cryptosporidium può essere pericolosa, cronicizzandosi a causando deperimento e malnutrizione.

References to Laboratory Test Domande frequenti

Domande frequenti

1. Come è possible prevenire le infezioni parassitarie?
2. L’esame coproparassitologico è in grado di rilevare tutti i parassiti?

3. Per quale motivo viene richiesto un campione di feci fresco?
4. I parassiti vermiformi sono visibili nelle feci?
5. Oltre all’esame delle feci, può essere effettuato qualche altro esame per la ricerca di parassiti?
6. Le infezion parassitarie possono essere contratte più di una volta?
7. Per quale motive viene sconsigliato l’utilizzo di farmaci anti-diarroici?

 

1. Come è possible prevenire le infezioni parassitarie?
Il modo migliore per prevenire questo tipo di infezioni consiste nell’astenersi dal consumare cibi o bevande potenzialmente contaminate. In modo particolare nel caso in cui vengano effettuati viaggi in paesi in via di sviluppo dove le bevande ghiacciate o le insalate fresche sono a rischio di contaminazione. Anche il più limpido fiume di montagna potrebbe essere contaminato, in modo partciolare da Giardia. La maggior parte dei parassiti non sono visibili ad occhio nudo, né sono rilevabili tramite il sapore o l’olfatto. Nel caso in cui un familiare sia affetto da un’infezione parassitaria, è necessario che la persona affetta e gli altri familari lavino accuratamente le proprie mani dopo essere stati in  bagno o dopo aver maneggiato dei pannolini contenenti feci, in modo da prevenire la trasmissione dei  parassiti. I pazienti affetti dovrebbero astenersi dalla preparazione dei cibi fino alla scomparsa dei sintomi.

 

2. L’esame coproparassitologico è in grado di rilevare tutti i parassiti?
No, solo quelli in grado di infettare il canale digerente e le cui uova possono passare nelle feci. Per altri parassiti come gli ossiuri o la malaria, esistono altri test specifici.

 

3. Per quale motivo viene richiesto un campione di feci fresco?
La cattiva conservazione del campione di feci può comportare il deterioramento delle strutture parassitarie con conseguente difficoltà nel riconoscere i parassiti e quindi nel rilevare l’infezione.

 

4. I parassiti vermiformi sono visibili nelle feci?
La maggior parte dei parassiti sono troppo piccoli per poter essere visti ad occhio nudo. È possible però notare la presenza di fibre non digerite. L’unico modo per accertare con sicurezza la presenza o assenza dei parassiti è l’osservazione al microscopio. I parssiti infatti hanno delle caratteristiche strutturali peculiari assenti nelle fibre.

 

5. Oltre all’esame delle feci, può essere effettuato qualche altro esame per la ricerca di parassiti?
Si, è possible richiedere un esame sierologico per valutare la presenza di un’infezione parassitaria in atto o passata. Un risultato sierologico positivo non è indicative di un’infezione in atto ma può indicare un’infezione pregressa o cronica. Talvolta per la ricerca dei parassiti può essere richiesta una piccolo biopsia intestinale.

 

6. Le infezioni parassitarie possono essere contratte più di una volta?
Si. Può capitare ad esempio nel caso in cui all’interno di un nucleo familiare sia presente una persona con, ad esempio, giardiasi asintomatica che continui a diffondere l’infezione agli altri membri della famiglia. L’infezione può essere trasmessa fino al momento in cui questa non sia del tutto risolta.

 

7. Per quale motive viene sconsigliato l’utilizzo di farmaci anti-diarroici?
Questi farmaci dovrebbero essere assunti solo sotto supervisione medica. La diarrea infatti è uno dei mezzi utilizzati dall’organismo per eliminare l’infezione. L’utilizzo di farmaci antidiarroici può quindi rallentare questo processo naturale prolungando la durata dell’infezione e talvolta anche peggiorandone gli effetti.

Links Pagine correlate

In questo sito

Condizioni patologiche: Diarrea

 

Altrove nel web

Annual Epidemiological Report 2013 - ECDC

MedlinePlus Medical Encyclopedia: Parasitic Diseases 
Centers for Disease Control and Prevention (CDC): Travelers' Health
CDC: Healthy Swimming - Giardia 
CDC: Healthy Swimming - Cryptosporidium ("Crypto")
CDC: Giardiasis General Information
CDC: Alphabetical Index of Parasitic Diseases
Nemours Foundation, KidsHealth.org
Amebiasis
Giardiasis
Ascarisis
National Institute for Allergy and Infectious Diseases
Ascarisis
Hookworm Disease
Strongyloidiasis 

 

NOTA: Questa sezione è basata sulla ricerca che utilizza le fonti qui citate insieme all’esperienza collettiva della Revisione Editoriale di Lab Tests Online. Questa sezione  è periodicamente rivista dalla Revisione Editoriale e può essere aggiornata come risultato della revisione. Ogni nuova fonte citata sarà aggiunta alla lista e distinta dalle fonti originali. 

 

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Chamberland, R. (2014 March 5 Updated). Stool Ova and Parasite Test. Medscape Drugs & Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/2117799-overview. Accessed on January 2016.

Lehrer, J. (2014 May 15, Updated). Stool ova and parasites exam. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at https://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003756.htm. Accessed on January 2016.

Barr, W. and Smith, A. (2014 February 1) Acute Diarrhea in Adults. Am Fam Physician. 2014 Feb 1;89(3):180-189. [On-line information]. Available online at http://www.aafp.org/afp/2014/0201/p180.html. Accessed on January 2016.

Pearson, R. (2013 November). Approach to Parasitic Infections. Merck Manual Professional Version [On-line information]. Available online at http://www.merckmanuals.com/professional/infectious-diseases/approach-to-parasitic-infections/approach-to-parasitic-infections. Accessed on January 2016.

(2014 March 10). Diagnosis of Parasitic Diseases. CDC [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/parasites/references_resources/diagnosis.html. Accessed on January 2016.

Dowshen, S. (2014 September Reviewed). Stool Test: Ova and Parasites. KidsHealth from Nemours [On-line information]. Available online at http://kidshealth.org/parent/system/medical/test_oandp.html. Accessed on January 2016.

 

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Hardy, D. (2002 January). Diarrhea Caused by Parasites. Clinical Laboratories Newsletter, Univ of Roch Med Center, Vol. 22, No. 1 [On-line newsletter]. Available online at http://www.urmc.rochester.edu/path/newsletter102.htm.

Diagnostic Procedures for Stool Specimens. DPDx, Laboratory Identification of Parasites of Public Health Concern [On-line information]. Available online through http://www.dpd.cdc.gov.

Kotton, C., Updated (2002 January 08, Updated). Stool Ova And Parasites Exam. MedlinePlus Health Information, Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003756.htm.

A.D.A.M. editorial, Updated (2001 September 14). Giardiasis. MedlinePlus Health Information, Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000288.htm.

Kott, C., Updated (2002 July 19, Updated). Cryptosporidium enteritis. MedlinePlus Health Information, Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000617.htm.

(2001 March). Amebiasis. CDC, Division of Parasitic Diseases, Parasitic Disease Information, Fact Sheet [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dpd/parasites/amebiasis/factsht_amebiasis.htm.

(2001 May). Cryptosporidiosis. CDC, Division of Parasitic Diseases, Parasitic Disease Information, Fact Sheet [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dpd/parasites/cryptosporidiosis/factsht_cryptosporidiosis.htm.

(2001 May). Giardiasis. CDC, Division of Parasitic Diseases, Parasitic Disease Information, Fact Sheet [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dpd/parasites/giardiasis/factsht_giardia.htm.

(2003 February, Updated). Giardiasis. AAFP, familydoctor.org Fact Sheet [On-line information]. Available online at http://familydoctor.org/handouts/078.html through http://familydoctor.org.

Giardia Antigen by EIA. ARUP's Guide to Clinical Laboratory Testing (CLT) [On-line information]. Available online at http://www.aruplab.com/guides/clt/tests/clt_a247.htm#1149440.

Cryptosporidium Stain and Antigen. ARUP's Guide to Clinical Laboratory Testing (CLT) [On-line information]. Available online at http://www.aruplab.com/guides/clt/tests/clt_a174.htm#1060170.

Giardia lamblia. Ohio State University, College of Biological Sciences, Parasites and Parasitological Resources [On-line information]. Available online at http://www.biosci.ohio-state.edu/~parasite/giardia.html.

Cryptosporidium parvum. Ohio State University, College of Biological Sciences, Parasites and Parasitological Resources [On-line information]. Available online at http://www.biosci.ohio-state.edu/~parasite/cryptosporidium.html.

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (© 2007). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 8th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 887-888.

Wu, A. (2006). Tietz Clinical Guide to Laboratory Tests, Fourth Edition. Saunders Elsevier, St. Louis, Missouri. Pp 1590.

(2007 June 25, Reviewed). Risks from Food and Water (Drinking and Recreational). Travelers' Health: Yellow Book, CDC Health Information for International Travel 2008, Chapter 2, Pre- and Post-travel General Health Recommendations [On-line information]. Accessed on: 12/9/07. Available online at http://wwwn.cdc.gov/travel/yellowBookCh2-FoodWaterRisks.aspx.

(2007 February 27, Reviewed). About Parasites. CDC Parasitic Diseases [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dpd/aboutparasites.htm. Accessed on 12/24/07.

Forbes BA, Sahm DF, Weissfeld AS. Bailey & Scott's Diagnostic Microbiology. 12th Edition: Mosby Elsevier, St. Louis, MO; 2007.

Vorvick, L. (Updated 2010 May 4). Stool ova and parasites exam. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003756.htm. Accessed February 2011.

(Modified 2010 June 2). Parasites and Foodborne Illness. USDA Food Safety and Inspection Service Fact Sheets [On-line information]. Available online at http://www.fsis.usda.gov/factsheets/Parasites_and_Foodborne_Illness/index.asp. Accessed February 2011.

Pennardt, A. (Updated April 28). Giardiasis in Emergency Medicine. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/782818-overview. Accessed February 2011.

(Modified 2009 July 20). Detection of Parasite Antigens. DPDx Diagnostic Procedures Stool Specimens, [On-line information]. Available online at http://www.dpd.cdc.gov/dpdx/HTML/DiagnosticProcedures.htm. Accessed February 2011.

Fisher, M. et. al. (Updated 2010 November). Diarrhea, Parasitic Evaluation. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/ParasiticDiarrhea.html?client_ID=LTD. Accessed February 2011.

Mayo Clinic Staff (2010 May 29). Giardia infection (giardiasis). Mayo Clinic [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/health/giardia-infection/DS00739. Accessed May 2011.

(© 2005-2010). Viruses, Bacteria and Parasites in the Digestive Tract. Children's Hospital Boston [On-line information]. Available online at http://www.childrenshospital.org/az/Site1959/mainpageS1959P0.html. Accessed May 2011.

Mukherjee S. (Updated November 18, 2009). Giardiasis. eMedicine [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/176718-overview. Accessed May 2011

Kucik C, et al (March 1 2004). Common Intestinal Parasites. Am Fam Physician. 2004 Mar 1;69(5):1161-1169. Available online at http://www.aafp.org/afp/2004/0301/p1161.html. Accessed May 2011.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 911-912.

Forbes, B. et. al. (© 2007). Bailey & Scott's Diagnostic Microbiology, 12th Edition: Mosby Elsevier Press, St. Louis, MO. Pp 543-627.

© 2017 - 2018 All Rights Reserved | Laboratorio analisi cliniche dr. Fioroni srl - P.IVA 00735680449 | privacy policy - informativa uso cookies