approfondimento Lab Tests Online

Testo tratto da Lab Tests Online

Torna all'elenco esami

ZPP Noto anche come: ZPP, ZP, ZnP, Protoporfirina eritrocitaria libera, FEP
Nome: Zincoprotoporfirina
Esami associati: Striscio di sangue, Azotemia, Creatinina, Pb, Porfirine, Ematocrito, Emoglobina, Ferritina, Emocromo, TIBC, UIBC e Transferrina, Sideremia
In sintesi

Perché viene eseguito il test?
Per lo screening e il monitoraggio dell’esposizione cronica al piombo; per scoprire un deficit di ferro nei bambini; talora, per aiutare nella diagnosi di alcune porfirie (condizioni ereditarie che influiscono sulla formazione dell’eme).
Quando viene eseguito?
Se vi è stata un’esposizione cronica al piombo, come parte di un programma di monitoraggio dell’esposizione al piombo; e/o se il curante sospetta un avvelenamento da piombo; come parte di un programma di screening per il deficit di ferro nei bambini e negli adolescenti; se il medico sospetta che un paziente sia affetto da porfiria.
Quali campioni vengono richiesti?
Un campione di sangue ottenuto tramite prelievo venoso o tramite prelievo capillare.

Il campione da analizzare

Cosa viene analizzato?
Il test della zincoprotoporfirina (ZPP) è un esame del sangue che può identificare un disturbo nella formazione dell’eme. L’eme è un componente essenziale dell’emoglobina, la proteina presente nei globuli rossi (RBCc) che trasporta l’ossigeno dai polmoni ai vari tessuti corporei e alle cellule. La formazione dell’eme avviene tramite una serie di reazioni enzimatiche che terminano con l’inserzione di un atomo di ferro al centro della molecola chiamata protoporfirina. Se non vi è abbastanza disponibilità di ferro, oppure se la ferrochelatasi (l’enzima responsabile dell’incorporazione del ferro) è bloccata, allora la protoporfirina si combina con lo zinco invece che col ferro per formare la zincoprotoporfirina. Dato che non è in grado di trasportare l’ossigeno, la ZPP non viene utilizzata nei globuli rossi che la contengono.
Il termine ZPP viene talora usato interscambiabilmente con il termine protoporfirina eritrocitaria libera (FEP). In realtà, circa il 90% della protoporfirina presente nei globuli rossi è ZPP, mentre il rimanente è presente come FEP (non legata allo zinco). Il metodo usato per l’analizzare la ZPP misura entrambe le sostanze e i risultati possono essere riportati entrambi come ZPP o FEP.

Come si raccoglie il campione da analizzare?
Negli adulti, la ZPP viene misurata direttamente in un campione di sangue intero ottenuto tramite prelievo venoso. Nei bambini, viene spesso misurato il rapporto ZPP/eme, utilizzando una goccia di sangue ottenuto tramite prelievo capillare per stillicidio dalla punta delle dita e utilizzando uno strumento chiamato ematofluorimetro. Questo strumento misura la fluorescenza di ZPP e riporta la quantità di ZPP per numero di molecole di eme.


NOTA: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d' ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.

Un ulteriore articolo, Seguire il campione: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico
 

L'esame

Come viene utilizzato?
Quando viene prescritto?
Qual è il significato del risultato?
Cos’altro si deve conoscere?


Come viene utilizzato?
La zincoprotoporfirina è richiesta principalmente per aiutare a determinare il deficit di ferro nei bambini e per scoprire e monitorare l’esposizione cronica al piombo negli adulti. Il piombo inibisce l’azione della ferrochelatasi e ciò risulta in un aumento della formazione della ZPP anche quando vi è un’adeguata quantità di ferro. La ZPP è ritenuta essere il miglior test di screening per il carico di piombo (la quantità totale di piombo presente nell’organismo) rispetto alla stessa concentrazione di piombo, poiché i livelli del metallo tendono a variare nel sangue di giorno in giorno e poiché il piombo si sposta dal sangue agli organi e all’osso. Mentre i campioni di sangue per il piombo possono essere contaminati dal piombo presente nell’ambiente al tempo di raccolta, la ZPP non ne viene influenzata.
Nella popolazione adulta generale, la ZPP può essere richiesta insieme ai livelli di piombo, come parte di un programma di screening per l’esposizione cronica al piombo. Le persone che lavorano con prodotti che contengono piombo e le persone che vivono in case vecchie sono esempi di persone che possono essere esposte ad un aumentato rischio di sviluppare avvelenamento da piombo. Questo perché il piombo è di solito ingerito o inalato. Coloro che inalano polveri che contengono piombo, maneggiano piombo direttamente o lo mangiano, oppure –in caso di bambini- ingoiano palline colorate contenenti piombo (comunemente in case costruite prima del 1960), possono avere valori elevati di piombo e ZPP nel corpo. Nel settore industriale, l’Amministrazione per la Sicurezza e la Salute occupazionali (Occupational Safety & Health Administration) raccomanda l’uso della ZPP e fortemente raccomanda che anche l’analisi della ZPP venga prescritta ogni volta che i livelli di piombo sono richiesti per controllare l’esposizione al piombo dei lavoratori. Entrambi sono necessari poiché la ZPP non rifletterà l’esposizione recente o acuta al piombo, e non cambia velocemente quando un paziente è allontanato dall’esposizione al piombo. La ZPP è migliore per individuare l’esposizione media al piombo di una persona negli ultimi 3-4 mesi.

La massima concentrazione di piombo considerata sicura nei bambini è stata collocata ad un livello molto basso per minimizzare l’impatto negativo dell’esposizione al piombo sul loro sviluppo. La ZPP non è abbastanza sensibile da essere utilizzata come test di screening nei bambini, dal momento che i valori non s’innalzano fino a che le concentrazioni di piombo oltrepassano il limite accettabile. In questa fascia d’età, le misurazioni di piombo nel sangue devono essere eseguite per determinare l’esposizione al piombo.

Nei bambini, il rapporto ZPP/eme è spesso prescritto come un precoce indicatore del deficit di ferro. Esso è uno dei primi segni di mancanza di ferro e sarà elevato nelle persone più giovani prima che i segni e i sintomi dell’anemia siano presenti. Coloro che presentano un elevato rapporto ZPP/eme, possono aver bisogno di altre indagini per determinare la causa. In alcuni casi, un paziente potrebbe essere soggetto sia all’esposizione al piombo che al deficit di ferro.

La ZPP è anche richiesta per facilitare la diagnosi di porfirie. Queste sono un gruppo di rari disordini ereditari che causa deficit di enzimi necessari alla produzione dell’eme. Il deficit di un enzima porta all’imbottigliamento e all’accumulo di prodotti intermedi che normalmente sono convertiti in eme.Ci sono due porfirie nelle quali le concentrazioni di ZPP e di altre porfirine accumulate nei globuli rossi sono molto elevate. Il principale sintomo presente in questi pazienti è l’elevata sensibilità alla luce del sole.


Quando viene prescritto?
La ZPP viene prescritta assieme al livello di piombo quando è sospettata una cronica esposizione al piombo, quando un  lavoratore partecipa ad un programma di monitoraggio all’esposizione occupazionale al piombo, oppure quando qualcuno ha un hobby, come dipingere il vetro, che lo porta ad un frequente contatto con il piombo. Il rapporto ZPP/eme viene richiesto come test di screening per il deficit di ferro nei bambini e negli adolescenti è/o quando si sospetta una carenza di ferro. Talora la ZPP è richiesta quando un paziente è sensibile alla luce del sole e il suo curante sospetta una porfiria.


Qual è il significato del risultato dell’esame?
NOTA: Un intervallo di riferimento univoco non é disponibile per questa analisi. Infatti i valori di riferimento possono differire nei vari da laboratorio poiché dipendono da molti fattori, tra i quali l’età del paziente, il sesso, la popolazione di riferimento, i metodi analitici. Il referto del tuo laboratorio dovrebbe prevedere degli intervalli di riferimento specifici per ogni analisi. Lab Test On Line raccomanda vivamente di discutere sempre i risultati delle analisi con il proprio medico. Per maggiori informazioni sugli intervalli di riferimento vi suggeriamo di leggere questo articolo Gli Intervalli di riferimento ed il loro significato

La concentrazione di ZPP nel sangue intero è di solito molto bassa. Un aumento della ZPP indica un disturbo della normale produzione di eme, ma non è specifico della sua causa. Le principali ragioni dell’aumento della ZPP sono il deficit di ferro, l’avvelenamento da piombo e, in rari casi, la porfiria. E’ molto importante che i livelli di ZPP siano valutati nel contesto dell’anamnesi del paziente, delle conclusioni cliniche e del risultato di altri test come la ferritina, il piombo nel sangue intero e la conta completa dei parametri ematici. E’ possibile che il paziente presenti sia un deficit di ferro che un avvelenamento da piombo. In casi di esposizione cronica al piombo, la ZPP riflette i livelli medi di piombo dei precedenti 3-4 mesi. Comunque, la quantità di piombo in quel momento presente nel sangue e il carico di piombo nel corpo (la quantità negli organi e nell’osso) può essere determinata con l’analisi della ZPP. I valori della ZPP aumentano più lentamente rispetto alla concentrazione di piombo nel sangue seguente all’esposizione, ed essi richiedono molto più tempo per abbassarsi dopo che l’esposizione al piombo è cessata.

Un aumento del rapporto ZPP/eme in un bambino è per lo più dovuto ad una carenza di ferro. Se la ZPP o il rapporto ZPP/eme sono molto aumentati e il paziente è molto sensibile alla luce del sole, allora potrebbe essere presente una porfiria.


Cos’altro si deve conoscere?
La ZPP può essere elevata in condizioni infiammatorie, in infezioni, in severi disturbi emopoietici, ma non è generalmente usata per il monitoraggio o la diagnosi di queste condizioni. Essendo dipendente dal metodo usato per analizzare la ZPP, altre sostanze nel sangue che danno fluorescenza, come la bilirubina e la riboflavina, possono produrre risultati falsamente positivi. Valori falsamente negativi possono presentarsi se i campioni da analizzare non sono stati protetti dalla luce.
La ZPP non è un’analisi che il medico richiede tipicamente per lo studio dello screening del deficit di ferro; piuttosto, essa viene usata per lo più nell’ambito del dipartimento della salute per questo scopo.

References to Laboratory Test Domande frequenti

1. Accanto alla ZPP e ai livelli di piombo, quali altri esami potrebbero essere prescritti dal medico per monitorare l’esposizione al piombo?

1. Accanto alla ZPP e ai livelli di piombo, quali altri esami potrebbero essere prescritti dal medico per monitorare l’esposizione al piombo?

Se lavori in settore occupazionale dove frequentemente sei esposto al piombo, il tuo medico può prescriverti i seguenti test per controllare i tuoi reni e la produzione delle cellule del sangue:

Azoto ureico (BUN) Creatinina Esame urine Profilo ematologico completo o emoglobina ed ematocrito Striscio del sangue periferico

Links

American Family Physician: Occupational Lead Poisoning,
OSHA (Occupational Safety & Health Administration): Safety and Health Topics - Toxic Metals: Lead
OSHA: Regulations (Standards - 29 CFR), Medical Surveillance Guidelines - 1926.62 App C
MedlinePlus Encyclopedia: Information on Porphyrins

 

 

© 2017 - 2018 All Rights Reserved | Laboratorio analisi cliniche dr. Fioroni srl - P.IVA 00735680449 | privacy policy - informativa uso cookies