approfondimento Lab Tests Online

Testo tratto da Lab Tests Online

Torna all'elenco esami

Anticorpi tiroidei Noto anche come: Autoanticorpi tiroidei, Anticorpi anti- tiroide, Anticorpi antimicrosomiali, Anticorpi antimicrosomiali tiroidei, Anticorpo anti-perossidasi teroidea, TPOAb, Anti-TPO, TBII, anticorpi antitireoglobulina, TgAb, Anticorpi antirecettori del TSH, TRAb, Anticorpi antirecettori della tireotropina (TSH), Immunoglobuline stimolanti la tiroide, TSI
Nome: Anticorpi anti- perossidasi tiroidea (TPOAb), Anticorpi anti-tireoglobulina (TgAb), Anticorpi antirecettore del TSH (TRAb)
Esami associati: T3, Tiroxina T4 libera, TSH, Tireoglobulina
In sintesi

In sintesi

Perché fare il test?
Come supporto alla diagnosi e al monitoraggio di patologie tiroidee autoimmuni e alla distinzione di esse da altre forme di patologie tiroidee; per indirizzare il trattamento terapeutico.

Quando fare il test?
Nel caso di aumentate dimensioni della tiroide (gozzo) e/o se altri esami della funzionalità tiroidea, quali T3, T4 e TSH, sono indicativi di disfunzione tiroidea.
Insieme all’esame della tireoglobulina nel monitoraggio della patologia.
Regolarmente in caso di patologia tiroidea autoimmune nota.

Che tipo di campione viene richiesto?
Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio.

Il test richiede una preparazione?
No.


 

Il campione da analizzare

Il campione da analizzare

Cosa viene testato?
Gli autoanticorpi tiroidei sono anticorpi che si sviluppano quando il sistema immunitario dell’individuo reagisce erroneamente contro alcune componenti della ghiandola tiroidea o proteine tiroidee, provocando infiammazione cronica della tiroide (tiroidite), danneggiamento tissutale e/o disturbo della funzionalità tiroidea. Questi esami determinano la presenza di specifici autoanticorpi tiroidei e ne misurano la quantità.
La tiroide è una piccola ghiandola, a forma di farfalla posizionata contro la trachea nella gola (posizionata nella regione anteriore del collo). Gli ormoni primari che la ghiandola produce, la tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3), sono di vitale importanza nel regolare il ritmo con cui l’organismo usa l’energia (il metabolismo). L’organismo sfrutta un sistema a retroazione (feed-back) che utilizza l’ormone stimolante la tiroide (TSH) come strumento nell’attivare e nel disattivare la produzione ormonale della tiroide e conseguentemente nel mantenere una concentrazione degli ormoni tiroidei stabile nel circolo sanguigno. Quando gli anticorpi tiroidei interferiscono con questo processo, si possono sviluppare patologie croniche e malattie autoimmuni associate a ipotiroidismo o ipertiroidismo, come il Morbo di Graves o la Tiroiditedi Hashimoto.
Uno o più dei seguenti test possono essere eseguiti per stabilire una diagnosi e/o per monitorare una malattia autoimmune della tiroide:

Anticorpi anti- perossidasi tiroidea (TPO)- sono marcatori di malattia autoimmune della tiroide; la loro presenza può essere riscontrata nel morbo di Graves e nella tiroidite di Hashimoto. Anticorpi anti- tireoglobulina (TGAb)— anche questi sono marcatori, questi anticorpi sono diretti contro la tireoglobulina, la forma in cui vengono immagazzinati gli ormoni tiroidei. Anticorpi anti recettori dell’ormone stimolante la tiroide (TSHRAb)—includono due tipi di autoanticorpi che legano i recettori del TSH nella tiroide: Immunoglobuline stimolanti la tiroide (TSI) legano i recettori e promuovono la produzione di ormoni tiroidei, portando all’ipertiroidismo Immunoglobuline inibenti il legame del TSH (TBII) bloccano il legame del TSH ai recettori, fermando così la produzione di ormoni tiroidei e causando ipotiroidismo

In genere si misurano solo i TrAb ossia la la presenza di anticorpi in grado di legare i recettori del TSH. Non si determina pertanto se si tratta  di TBII o di TSI; questi vengono misurati solo per scopo di ricerca ed in laboratori altamente specializzati.

Che tipo di campione viene richiesto?
Un campione di sangue prelevato da una vena del braccio.

NOTA: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d' ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoli Come fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.
Un ulteriore articolo: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico


Esiste una preparazione al  test che possa assicurare la buona qualità del campione?
No.

L'esame

L’esame

Come si usa?
Quando viene prescritto?
Che cosa significa il risultato del test?
C'è qualcos'altro da sapere?

Come si usa?
La determinazione degli anticorpi tiroidei è fondamentalmente richiesta come supporto alla diagnosi di malattia tiroidea autoimmune e alla diagnosi differenziale rispetto ad altre forme di disfuzioni tiroidee.
Può essere prescritta nel caso di aumentate dimensioni della tiroide (gozzo) o di altri segni e sintomi associati ad alte o basse concentrazioni di ormoni tiroidei. Questi esami possono essere prescritti come conseguenza dell’indicazione di disfunzione tiroidea derivante da risultati di altri test della funzionalità della ghiandola (come T3, T4 e/o TSH).
Possono essere richiesti uno o più esami degli anticorpi tiroidei nel caso in cui un paziente che abbia una patologia autoimmune nota non correlata alla tiroide, come il lupus eritematoso sistemico, l’artrite reumatoide o l’anemia perniciosa presenti sintomi che suggeriscano l’interessamento della tiroide. Nel corso di queste patologie, l’interessamento  della tiroide può avvenire in qualsiasi momento.
Quando il paziente è in corso di monitoraggio della terapia per un cancro alla tiroide, il test degli anticorpi anti- tireoglobulina può essere usato per determinare se gli anticorpi interferiscano con la misura della concentrazione della tireoglobulina.

Quando viene prescritto?
Il test può esssere prescritto quando un individuo mostri segni e sintomi di basse o alte concentrazioni di ormoni tiroidei, specialmente se la causa sospettata è una malattia autoimmune.
Una bassa concentrazione di ormoni tiroidei (ipotiroidismo) può provocare dei sintomi, come:

Aumento di peso Affaticamento Gozzo Secchezza della cute Perdita di capelli Intolleranza al freddo Costipazione

Un’alta concentrazione di ormoni tiroidei (ipertiroidismo) può provocare dei sintomi, come:

Aumentata sudorazione Aumentata frequenza cardiaca Ansia Tremori Affaticamento Difficoltà del sonno Improvvisa perdita di peso Occhi sporgenti

La tabella seguente riassume quando gli autoanticorpi tiroidei dovrebbero essere eseguiti.

Anticorpi tiroidei

Acronimo

Presente in:

Quando richiedere l'esame:

Altre informazioni

Anticorpi tiroidei

TPOAb

Tiroidite di Hashimoto;
morbo di Graves

In presenza di sintomi di patologie della tiroide; prima di cominciare una terapia farmacologia con litio, amiodarone, interferone alfa, interleuchina-2, che in associazione con AcTPO presentano il rischio di sviluppare ipotiroidismo

Associati a difficoltà riproduttive come aborti, pre-eclampsia, parto prematuro, fallimento della fecondazione in vitro

Anticorpo anti-tireoglobulina

TgAb

Cancro tiroideo; tiroidite di Hashimoto

Ogniqualvolta venga eseguito il test della tireoglobulina, per vedere se sono presenti anticorpi e per verificare l’eventuale interferenza con i risultati dell’esame.
Come la tiroglobulina, va prescritto regolarmente dopo il trattamento terapeutico del cancro della tiroide

 

Anticorpo del recettore dell’ormone stimolante la tiroide

TRAb

Morbo di Graves

In presenza di sintomi di ipertiroidismo; per monitorare l’efficacia della terapia anti-tiroide

 

In caso di malattia tiroidea autoimmune in una donna incinta (come tiroidite di Hashimoto o morbo di Graves) o di altre patologie autoimmuni associate alla tiroide, si può richiedere l’esame di uno o più anticorpi tiroidei nei primi ed ultimi mesi della gravidanza.
Questi esami servono a valutare il rischio per il neonato di disfunzioni tiroidee, dato che gli anticorpi possono attraversare la placenta e provocare ipo- o ipertiroidismo nel feto o nel neonato.
L’esame degli anticorpi tiroidei può essere richiesto in caso di sintomi di alterata funzionalità tiroidea in presenza di un’altra patologia autoimmune e/o nel caso di difficoltà riproduttive che si sospetta essere associate ad autoanticorpi.

Che cosa significa il risultato del test?
Un risultato negativo dei test significa che gli autoanticorpi non sono presenti in circolo nel momento del prelievo e possono indicare che la patologia è dovuta a cause diverse rispetto all’autoimmunità. Se si sospetta che gli autoanticorpi si sviluppino nel tempo, come può succedere nelle malattie autoimmuni, allora sarebbe opportuno ripetere il test più avanti nel tempo.
Concentrazioni di anticorpi antitiroide lievemente o moderatamente elevate possono essere presenti in diverse patologie tiroidee ed autoimmuni come il cancro della tiroide, il diabete di tipo I, l’artrite reumatoide, l’anemia perniciosa e le malattie autoimmuni del collagene vascolare.
Concentrazioni significativamente aumentate si riscontrano più frequentemente in corso di patologie autoimmuni della tiroide quali la tiroidite di Hashimoto e il morbo di Graves.
In generale, la presenza degli anticorpi tiroidei suggerisce un coinvolgimento autoimmune della tiroide e più elevate sono le concentrazioni maggiore è la probabilità di malattia. Concentrazioni progressivamente più elevate indicano, con maggiore significatività rispetto alle concentrazioni stabili, un aumento dell’attività autoimmune. Tutti questi anticorpi, se presenti in una donna in gravidanza, aumentano il rischio di ipotiroidismo o ipertiroidismo nel feto o nel neonato.
Gli anticorpi anti-tireoglobulina se presenti in corso di monitoraggio delle concentrazioni di tireoglobulina, possono interferire con i risultati dell’esame, pertanto la tireoglobulina non potrà essere usata come marcatore di tumore della tiroide.
Se gli anticorpi anti- tireoglobulina usati nel monitoraggio si mantengono a concentrazioni elevate oppure calano inizialmente ma poi aumentano progressivamente, allora è probabile che il trattamento non sia efficace o che la patologia persista o sia ricorrente.
Se le concentrazioni calano a livelli bassi o non determinabili allora è probabile che la terapia sia efficace.
Una certa percentuale di soggetti sani può risultare positiva a uno o più anticorpi tiroidei. La prevalenza di questi anticorpi tende ad essere maggiore nelle donne e ad aumentare con l’età ed indica un aumentato rischio di sviluppare una patologia tiroidea in futuro. La presenza di anticorpi anti-tiroide senza apparenti disfunzioni tiroidee va seguita nel tempo. Nella maggior parte dei casi non comparirà mai una disfunzione della tiroide, ma una ridotta percentuale potrebbe svilupparla.

C’è qualcos’altro da sapere?
La sensibilità e la specificità dell’esame degli anticorpi tiroidei sta migliorando ma non è ancora soddisfacente dal punto di vista clinico. Tutti i diversi test di laboratorio per anticorpi tiroidei sono cambiati nel tempo. Questo in parte giustifica la molteplicità delle terminologie storicamente acquisite. Sono disponibili numerosi metodi che hanno differenti intervalli di riferimento (normali). Pertanto, nel monitoraggio, in cui sono previste determinazioni periodiche, è importante che l’esame venga eseguito nel medesimo laboratorio e con il medesimo metodo.

References to Laboratory Test Domande frequenti

Domande frequenti

1. Gli anticorpi tiroidei fanno parte del pannello di esami eseguiti in routine?
2. Il test degli anticorpi tiroidei può essere effettuato nello studio del medico?

1. Gli anticorpi tiroidei fanno parte del pannello di esami eseguiti in routine?
No, sono indicati solo quando l’individuo presenta ingrossamento della tiroide o sintomi che suggeriscano disfunzione della ghiandola. Lo screening per la tiroide eseguito in routine comprende l’uso di test come il TSH e il T4.

2. Il test degli anticorpi tiroidei può essere effettuato nello studio del medico?
No, può essere effettuato solo presso un Laboratorio attrezzato

Links

Pagine correlate

In questo sito
Condizioni patologiche: Patologie tiroidee, Morbo di Graves, Tiroidite di Hashimoto, Malattie autoimmuni

Altrove sul web
Familydoctor.org: Thyroiditis
Women's Health.gov: Thyroid Disease 
American Thyroid Association
The Hormone Foundation

© 2017 - 2018 All Rights Reserved | Laboratorio analisi cliniche dr. Fioroni srl - P.IVA 00735680449 | privacy policy - informativa uso cookies