approfondimento Lab Tests Online

Testo tratto da Lab Tests Online

Torna all'elenco esami

Clostridium difficile Noto anche come: C. Difficile, C. difficile Tossina A e B
Nome: Clostridium difficile
Esami associati: Coprocoltura
In sintesi In sintesi

 

Perché fare il test?
Per rilevare la presenza di un infezione del batterio Clostridium difficile e/o della tossina prodotta.

Quando fare il test?
Nel caso in cui un paziente presenti lieve, moderata o grave diarrea persistente per alcuni giorni, associata a dolore addominale, perdita di appetito, febbre in seguito a terapia antibiotica.

Che tipo di campione viene richiesto?
Un campione di feci liquide o destrutturate, non contaminate con acqua o urine, fresche o mantenute refrigerate.

Il test richiede una preparazione?
No, nessuna.

Il campione da analizzare Il campione da analizzare

Cosa viene testato?
Il Clostridium difficile (C. difficile) è un tipo di batterio associato alla comparsa di diarrea in seguito all’assunzione di antibiotici. I test per la ricerca di C. difficile e per la tossina di C. difficile rilevano rispettivamente la presenza del batterio e della tossina.
Il batterio C. difficile è presente nella normale flora batterica intestinale del 65% dei bambini sani e nel 3% degli adulti sani. Talvolta, l’utilizzo prolungato di antibiotici ad ampio spettro per la cura di altre infezioni, determina uno sbilanciamento della flora batterica intestinale. La flora batterica normale, suscettibile agli antibiotici, viene distrutta ed eliminata dal canale digerente, mentre i ceppi di C. difficile resistenti agli antibiotici rimangono e cominciano ad accrescersi o vengono acquisiti nuovi ceppi.
Il C. difficile produce in genere due tossine: la tossina A e la tossina B. La diminuzione della normale flora batterica intestinale e la contestuale crescita di C. difficile, determina un aumento della produzione della tossina che può danneggiare la parete della parte bassa del canale digerente e portare ad una grave infiammazione del colon e a diarrea prolungata. I tessuti morti, la fibrina e i numerosi leucociti presenti possono determinare la formazione di una parete sulla superficie dell’intestino infiammato (pseudomembrana), una patologia nota come colite pseudomembranosa.
L’infezione da C. difficile è la causa più comune di diarrea nelle persone ospedalizzate. La tossina viene rilevata in più del 20-30% dei campioni di feci appartenenti a persone con la diarrea associata all’uso di antibiotici e in più del 95% di coloro ai quali è stata diagnosticata la colite pseudomembranosa. Nonostante questo microrganismo sia più frequentemente presente nella flora batterica intestinale dei bambini piccoli, questi raramente sviluppano i sintomi associati.
Il rischio di sviluppare i sintomi aumenta con l’età, nei soggetti con il sistema immunitario compromesso, in coloro che sono affetti da colite acuta o cronica, nelle persone nelle quali è già stata diagnosticata in passato un’infezione da C. difficile o in persone che si sono sottoposte recentemente ad interventi chirurgici gastrointestinali o a chemioterapia. La diarrea associata a C.difficile di solito si sviluppa nelle persone che hanno seguito una terapia antibiotica per diversi giorni e può svilupparsi anche alcune settimane dopo il termine del trattamento.
La gravità della patologia associata alla presenza di C. difficile può variare in maniera significativa: da lieve (una semplice diarrea) a grave come colite, megacolon tossico, perforazione dell’intestino, fino a sepsi e morte. I segni e sintomi possono includere defecazione frequente, dolore e crampi addominali, nausea, febbre, disidratazione, senso di fatica e leucocitosi (elevato numero di globuli bianchi). Il trattamento di solito prevede l’interruzione dell’assunzione dell’antibiotico originale e la somministrazione di una specifica terapia antibiotica orale con antibiotici per i quali il batterio è sensibile. La maggior parte delle persone migliora non appena il tratto gastrointestinale viene ripopolato dalla normale flora batterica intestinale ma circa il 12-24% di dei pazienti può andare incontro ad un altro episodio entro due mesi.

 

Come viene raccolto il campione per il test?
Il campione di feci liquide o destrutturate viene raccolto in un contenitore sterile. Le feci non devono essere contaminate con acqua o urina. Una volta raccolte, devono essere consegnate immediatamente al laboratorio o mantenute refrigerate e consegnate il prima possibile.
NOTA: Se il sottoporsi a queste analisi mediche provoca stati d' ansia o disagio, si consiglia di leggere uno o più di questi articoliCome fare fronte alla paura, al disagio ed all'ansia da test, Suggerimenti sui test ematici, Suggerimenti per aiutare i bambini ad affrontare un test medico, Suggerimenti per aiutare l'anziano ad affrontare un test medico.
Un ulteriore articolo, Seguire il campione: Breve viaggio nel laboratorio, chiarisce le modalità di prelievo del campione ematico.

Esiste una preparazione al  test che possa assicurare la buona qualità del campione?
No, non è necessaria alcuna preparazione.

L'esame L’esame

Come si usa?
Quando viene prescritto?
Che cosa significa il risultato del test?
C'è qualcos'altro da sapere?

 

Come si usa?
I test per la ricerca del batterio C. difficile e la tossina da esso prodotta, vengono utilizzati per la diagnosi di diarrea o altre manifestazioni patologiche che potrebbero essere correlate con la presenza di questo microrganismo. Le patologie derivanti da questo tipo di infezione batterica includono la colite pseudomembranosa, nella quale i tessuti morti, le proteine fibrose e i numerosi globuli bianchi, formano una parete sulla superficie dell’intestino infiammato,  il megacolon tossico e la perforazione dell’intestino. Il test può essere richiesto anche nel caso di patologia ricorrente.
Esistono numerosi test volti alla rilevazione del ceppo batterico responsabile dell’infezione e della sua tossina. Alcuni test sono molto sensibili ma richiedono alcuni giorni per poter fornire una risposta, mentre altri sono più rapidi (alcune ore) ma non altrettanto sensibili e specifici. Attualmente non esistono documenti di consenso internazionali con un protocollo operativo condiviso anche se, in linea di principio, le società di gastroenterologia e gli organi di sorveglianza sanitaria, sono concordi sulla necessità di adottare in sequenza metodi di screening più sensibili e rapidi seguiti da metodi diagnostici più specifici (two step work-up), al fine di trattare tempestivamente il soggetto e limitare la diffusione dell’infezione (aspetto particolarmente importante per le infezioni che avvengono in ambito ospedaliero).
L’analisi dei dati ottenuti dall’Istituto Superiore di Sanità durante l’esecuzione del Progetto “Sorveglianza delle Infezioni da Clostridium difficile. Aspetti epidemiologici e microbiologici”, finanziato dal Centro per la Prevenzione e Controllo delle Malattie (CCM) del Ministero della Salute e condotto tra il 2012 e il 2013, ha fornito una proposta di protocollo diagnostico che prevede:

Valutazione dell’idoneità del campione (feci diarroiche consegnate fresche o conservate refrigerate per non più di 48 ore dalla raccolta) appartenenti a pazienti che presentino un quadro clinico compatibile con CDI (infezione da Clostridium difficile) Test di screening del campione di feci utilizzando il test per l’antigene di C. difficile noto con il nome di glutammato deidrogenasi (GDH) o antigene comune. Questo test rileva la presenza di un antigene prodotto in grande quantità da C. difficile, sia nel caso di ceppi producenti tossine che non producenti tossine. È un test considerato altamente sensibile ma non molto specifico per i ceppi di C. difficile producente le tossine. Questo test indica quindi la presenza del batterio ma non la sua capacità di produrre le tossine. In caso di risultato positivo al test GDH, valutazione della presenza della tossina tramite: Test immunoenzimatico (EIA) per la ricerca delle tossine A, B o A+B.  Questo metodo è molto comune nei laboratori e richiede circa 1-4 ore. Nonostante sia un test rapido può non essere sufficientemente sensibile per rilevare tutte le infezioni, con una mancata rilevazione in circa il 30% dei casi. Test molecolare (PCR). Questo è un metodo rapido e sensibile per confermare la presenza di tossine di C. difficile. Tuttavia essendo piuttosto costoso potrebbe non essere disponibile in tutti i laboratori. Nel caso i test per la ricerca delle tossine forniscano esito negativo ma permanga il sospetto clinico, può essere eseguita una coltura tossinogenica volta a confermare o escludere la CDI. Questa prevede la crescita del batterio in uno specifico terreno di coltura e quindi l’identificazione della tossina. È il metodo considerato gold standard ma la sua esecuzione richiede 2-3 giorni.

 

Un altro test per la rilevazione delle tossine è il test di citotossicità cellulare. Questo test analizza gli effetti citotossici delle tossine eventualmente presenti su una coltura di cellule umane. Questo è il metodo più sensibile per la rilevazione delle tossine ma la formulazione del risultato richiede 24-48 ore.

 

Quando viene prescritto?
I test per C. difficile possono essere richiesti nel caso in cui un paziente ospedalizzato da più di tre giorni abbia frequenti episodi di diarrea, dolore addominale, febbre e/o nausea durante o dopo un trattamento antibiotico o dopo un intervento gastrointestinale. Il test può essere richiesto anche per persone non presenti in ospedale che abbiano sviluppato gli stessi sintomi entro 6-8 settimane dall’assunzione di terapia antibiotica, alcuni giorni dopo la chemioterapia o nel caso in cui il clinico sospetti che un paziente affetto da un disordine gastrointestinale cronico stia peggiorando la propria sintomatologia a causa di un’infezione di C. difficile. Infine, i test per C. difficile  possono essere richiesti come supporto alla diagnosi della causa di una diarrea per la quale siano già state esclusi altri agenti eziologici comuni.
Nel caso in cui un paziente abbia una ricaduta dei sintomi di diarrea o colite associata al trattamento antibiotico, i test per C. difficile possono essere utilizzati per confermare di nuovo la presenza della tossina. Nei pazienti sintomatici il test può non essere richiesto per il monitoraggio del trattamento; l’efficacia del trattamento infatti può essere rilevata grazie alla diminuzione e quindi assenza dei sintomi correlati. Non è raccomandato ripetere un test per C. difficile dopo un risultato positivo, poiché non fornisce alcuna ulteriore utile informazione clinica. I test molecolari possono fornire risultati positivi anche dopo alcune settimane dalla guarigione e completa eliminazione dei sintomi.

Che cosa significa il risultato del test?
Se i test per la ricerca di C. difficile e della tossina di  C. difficile sono positivi, allora è verosimile che la diarrea e i sintomi correlati siano dovuti alla presenza del batterio producente la tossina.
Un risultato positivo per la presenza di C. difficile o per l’antigene di C. difficile ma negativo per la tossina, significa che il batterio è presente ma che non è in grado di produrre o non produce livelli rilevabili della tossina.
Un risultato negativo sia per la ricerca del batterio che della tossina, indica che la diarrea e gli altri sintomi correlati sono dovuti ad un’altra causa diversa dalla presenza di C. difficile producente la tossina. Poiché la tossina si degrada se mantenuta a temperatura ambiente per qualche ora, un risultato negativo potrebbe anche indicare un trasporto, stoccaggio e processamento non adeguato del campione. Se esiste il dubbio che un campione di feci non sia stato raccolto e processato in maniera appropriata, è consigliabile ripetere l’esame su un secondo campione di feci.

C’è altro da sapere?
Nel caso in cui sia diagnosticata un’infezione da C. difficile producente la tossina, il trattamento consiste nell’interruzione dell’assunzione dell’antibiotico e la prescrizione di un appropriato trattamento antibiotico orale, come con metronidazolo o vancomicina, in grado di eliminare C. difficile.
Per la diagnosi di colite causata da C. difficile è possibile effettuare un’endoscopia. Lo specialista (un gastroenterologo) può così esaminare il colon e, tramite una biopsia, valutare la presenza delle caratteristiche lesioni pseudomembranose.

References to Laboratory Test Domande frequenti

Domande frequenti

1. Cos’altro può provocare diarrea ?
2. Perché il campione di feci deve essere fresco ?
3. Perché non devo essere assunti farmaci contro la diarrea (sintomatici) in caso di diarrea causata da C. difficile?
4. Una volta avuta un’infezione da C. difficile, è possibile averla nuovamente?
5. Esistono antibiotici che hanno più probabilità di provocare diarrea ?

 

1. Cos’altro può provocare diarrea ?
La diarrea può essere dovuta ad un’infezione da parte di batteri patogeni (di solito Salmonella, Shigella, Campylobacter o Escherichia coli), virus, parassiti oppure da intolleranza alimentare, da farmaci, da disordini intestinali cronici come la sindrome del colon irritabile, da problemi di malassorbimento (come la celiachia). La diarrea può anche essere causata o esacerbata da stress psichici.

2. Perché il campione di feci deve essere fresco ?
Per la ricerca della tossina di C. difficile, il campione deve essere fresco perché la tossina si degrada in poche ore e questo può produrre un risultato falso negativo.

3. Perché non devo essere assunti farmaci contro la diarrea (sintomatici) in caso di diarrea causata da C. difficile?
I farmaci anti-diarrea possono rallentare il passaggio delle feci attraverso il tratto gastrointestinale, aumentando il tempo in cui il colon è esposto alla tossina ed aumentando quindi il danno tissutale e l’infiammazione.

4. Una volta avuta un’infezione da C. difficile, è possibile averla nuovamente?
Sì, ma se ciò avviene nel breve periodo in genere si tratta di un caso di ripresa della crescita e della produzione della tossina da parte dello stesso ceppo, piuttosto che di nuova infezione. Questo accade quando la flora  batterica normale non si è ancora completamente riformata. Un paziente che ha avuto una diarrea da C. difficile presenta anche un rischio maggiore di svilupparla nuovamente nel corso di futuri trattamenti con antibiotici.

5. Esistono antibiotici che hanno più probabilità di provocare diarrea ?
Praticamente qualsiasi antibiotico può provocare la diarrea, dal momento che il farmaco altera la normale popolazione dei batteri “buoni” nell’intestino. Gli antibiotici ad ampio spettro, che distruggono molti tipi diversi di batteri, hanno più probabilità di eliminare la normale flora batterica intestinale e di permettere quindi al C. difficile di svilupparsi e di produrre tossina.

 

Links Pagine correlate

In questo sito

Condizioni patologiche: Diarrea

 

Altrove nel web

Documento di indirizzo SIMPIOS - Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile

Notiziario dell’Istituto Superiore di Sanità - Linee di indirizzo per la diagnosi microbiologica delle infezioni da Clostridium difficile

Centers for Disease Control and Prevention: General Information about Clostridium difficile Infections
Centers for Disease Control and Prevention: FAQs about "Clostridium Difficile" 
Mayo Clinic: C. difficile 
Mayo Clinic: Pseudomembranous colitis
FamilyDoctor.org: Clostridium difficile infection
American Academy of Pediatrics: Clostridium difficile

 

NOTA: Questa sezione è basata sulla ricerca che utilizza le fonti qui citate insieme all’esperienza collettiva della Revisione Editoriale di Lab Tests Online. Questa sezione  è periodicamente rivista dalla Revisione Editoriale e può essere aggiornata come risultato della revisione. Ogni nuova fonte citata sarà aggiunta alla lista e distinta dalle fonti originali. 

 

Fonti utilizzate nella revisione corrente

Fisher, M. and Schlaberg, R. (Reviewed 2014 September). Clostridium difficile. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/Clostridiumdifficile.html?client_ID=LTD throughhttp://www.arupconsult.com. Accessed October 2014.

Bartlett, J. (2013 August 26). 5 Important Developments in C difficile Management. Medscape Multispecialty [On-line information]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/809238 through http://www.medscape.com. Accessed October 2014.

Aberra, F. and Curry, J. (Updated 2014 March 17). Clostridium Difficile Colitis. Medscape Drugs & Diseases [On-line information]. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/186458-overview throughhttp://emedicine.medscape.com. Accessed October 2014.

Lehrer, J. (Updated 2014 May 15). Pseudomembranous colitis. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000259.htm through http://www.nlm.nih.gov. Accessed October 2014.

Vorvick, L. (Updated 2012 April 30). Stool C. difficile toxin. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003590.htm through http://www.nlm.nih.gov. Accessed October 2014.

Dowshen, S. (Reviewed 2011 September). Stool Test: C. Difficile Toxin. KidsHealth from Nemours [On-line information]. Available online at http://kidshealth.org/parent/system/medical/test_difficile.html through http://kidshealth.org. Accessed October 2014.

Cohen, S. et. al (2010 May). SHEA‐IDSA Guideline: Clinical Practice Guidelines for Clostridium difficile Infection in Adults: 2010 Update by the Society for Healthcare Epidemiology of America (SHEA) and the Infectious Diseases Society of America (IDSA). Infection Control and Hospital Epidemiology, v 31 (5) pp. 431-455. [On-line information]. Available online at http://www.jstor.org/stable/10.1086/651706 through http://www.jstor.org. Accessed October 2014.

 

Fonti utilizzate nelle precedenti revisioni

Thomas, Clayton L., Editor (1997). Taber's Cyclopedic Medical Dictionary. F.A. Davis Company, Philadelphia, PA [18th Edition].

Pagana, Kathleen D. & Pagana, Timothy J. (2001). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 5th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO.

Hamm, L (2000 June 01) Clostridium difficile. Medscape Today [On-line article from Pediatric Pharmacotherapy]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/410904 through http://www.medscape.com.

Yousuf, K., et. al.(2002 August 16). Clostridium Difficile-Associated Diarrhea and Chronic Renal Insufficiency. Medscape Today [On-line article from South Med J 95(7):681-683, 2002]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/439429 through http://www.medscape.com.

Kovacs, D., et. al. (2000). Recurrent Clostridium difficile-Associated Diarrhea and Colitis Treated With Saccharomyces cerevisiae (Baker's Yeast) in Combination With Antibiotic Therapy: A Case Report. Medscape Today [On-line article from J Am Board Fam Pract 13(2):138-140, 2000]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/405773 throughhttp://www.medscape.com.

Carroll, D. (2004 February 23). Moxifloxacin-Induced Clostridium difficile-Associated Diarrhea. Medscape Today [On-line article from Pharmacotherapy 23(11):1517-1519, 2003]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/464637 throughhttp://www.medscape.com.

Connor, B. and Landzberg, B. (2003 June 17). Travel Medicine, Persistent Traveler's Diarrhea. Medscape Today [Online article from Infect Med 20(5):242-244, 247, 2003]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/455532 throughhttp://www.medscape.com.

Fedorak, R. and Madsen, K. (2004 April 9). Probiotics and Prebiotics in Gastrointestinal Disorders. Medscape Today [On-line article from Curr Opin Gastroenterol 20(2):146-155, 2004]. Available online at http://www.medscape.com/viewarticle/470571 through http://www.medscape.com.

Roth, A. and Basello, G. (2003 December 1). Approach to the Adult Patient with Fever of Unknown Origin. American Family Physician [On-line journal]. Available online at http://www.aafp.org/afp/20031201/2223.html through http://www.aafp.org.

Clostridium difficile Toxins and Culture. ARUP's Guide to Clinical Laboratory Testing [On-line information]. Available online at http://www.aruplab.com/guides/clt/tests/clt_a153.jsp#1059796 through http://www.aruplab.com.

McCusker, M., et. al. (2004 January 5). Fluoroquinolone Use and Clostridium difficile–associated Diarrhea. CDC, Emerging Infectious Diseases [On-line article]. Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/EID/vol9no6/02-0385.htm throughhttp://www.cdc.gov.

Muir, A. (2002 May 5, Updated). Pseudomembranous colitis. MedlinePLUS Health Information, Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/print/ency/article/000259.htm.

Stone, C. (2003 November 4). Stool C. difficile toxin. MedlinePlus Health Information, Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003590.htm.

The Merck Manual of Diagnosis and Therapy, Section 3. Gastrointestinal Disorders, Chapter 29. Antibiotic-Associated Colitis [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/mrkshared/mmanual/section3/chapter29/29a.jsp through http://www.merck.com.

Antibiotic-Associated Colitis. The Merck Manual of Diagnosis and Therapy, Section 9. Digestive Disorders, Chapter 127. Antibiotic-Associated Colitis, Topic: Antibiotic-Associated Colitis [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/mrkshared/mmanual_home2/sec09/ch127/ch127a.jsp through http://www.merck.com.

Microorganisms That Cause Gastroenteritis [Table]. The Merck Manual of Diagnosis and Therapy Section 9. Digestive Disorders, Chapter 122. Gastroenteritis [On-line information]. Available online at http://www.merck.com/mrkshared/mmanual_home2/tb/tb122_1.jsp through http://www.merck.com.

Forbes BA, Sahm DF, Weissfeld AS, eds., Bailey and Scott's Diagnostic Microbiology, 12th edition, St. Louis, MO (2007).

Henry's Clinical Diagnosis and Management by Laboratory Methods. 21st ed. McPherson R, Pincus M, eds. Philadelphia, PA: Saunders Elsevier: 2007.

Lehrer JK (2007 August 7 Updated). Stool C. difficile toxin. MedlinePlus Health Information, Medical Encyclopedia (On-line information, accessed November 2007). Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003590.htm.

(June 5, 2007) Centers for Disease Control and Prevention. Clostridium difficile Infections: Overview (online information, accessed November 2007). Available online at http://www.cdc.gov/ncidod/dhqp/id_Cdiff.html through http://www.cdc.gov.

Sunenshine R, McDonald LC. Clostridium difficile-associated disease: New challenges from an established pathogen.Cleveland Clinic Journal of Medicine (2006) 73:187-197. (Accessed online November 2007). PDF available for download at http://www.cdc.gov/ncidod/dhqp/pdf/infDis/Cdiff_CCJM02_06.pdf throughhttp://www.cdc.gov.

Grossman K. About.com Health information: Toxic megacolon (online information, accessed December 2007). Available online at http://ibdcrohns.about.com/od/ulcerativecolitis/a/toxicmegacolon.htm through http://ibdcrohns.about.com.

Vorvick, L (Updated 2010 April 12). Stool C. difficile toxin. MedlinePlus Medical Encyclopedia [On-line information]. Available online at http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003590.htm. Accessed May 2011.

(Updated 2011 January 25). Information about the Current Strain of Clostridium difficile. Centers for Disease Control and Prevention [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/HAI/organisms/cdiff/Cdiff-current-strain.html throughhttp://www.cdc.gov. Accessed May 2011.

(Reviewed 2010 November 25). Frequently Asked Questions about Clostridium difficile for Healthcare Providers. Centers for Disease Control and Prevention [On-line information]. Available online at http://www.cdc.gov/HAI/organisms/cdiff/Cdiff_faqs_HCP.html through http://www.cdc.gov. Accessed May 2011.

Mayo Clinic Staff (2010 November 3). C. difficile. MayoClinic.com [On-line information]. Available online at http://www.mayoclinic.com/print/c-difficile/DS00736/METHOD=print&DSECTION=all through http://www.mayoclinic.com. Accessed May 2011.

Fisher, M and She, R. (Updated 2010 November). Clostridium difficile. ARUP Consult [On-line information]. Available online at http://www.arupconsult.com/Topics/Clostridiumdifficile.html?client_ID=LTD through http://www.arupconsult.com. Accessed May 2011.

Pagana, K. D. & Pagana, T. J. (© 2011). Mosby's Diagnostic and Laboratory Test Reference 10th Edition: Mosby, Inc., Saint Louis, MO. Pp 270-271.

Stuart H. Cohen et al. Clinical Practice Guidelines for Clostridium difficile Infection in Adults: 2010 Update by the Society for Healthcare Epidemiology of America (SHEA) and the Infectious Diseases Society of America (IDSA). Infection Control and Hospital Epidemiology. Available online at http://www.journals.uchicago.edu/doi/full/10.1086/651706 throughhttp://www.journals.uchicago.edu. Published online March 22, 2010. Accessed April 20, 2010.

Forbes, B. et. al. (© 2007). Bailey & Scott's Diagnostic Microbiology, 12th Edition: Mosby Elsevier Press, St. Louis, MO. Pp 463, 889.

(March 8, 2011) Aberra F, et al. Clostridium difficile Colitis. eMedicine article. Available online at http://emedicine.medscape.com/article/186458-diagnosis through http://emedicine.medscape.com. Accessed May 2011.

© 2017 - 2018 All Rights Reserved | Laboratorio analisi cliniche dr. Fioroni srl - P.IVA 00735680449 | privacy policy - informativa uso cookies